Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Benessere animale, più tutele dall'Ue

Nata la piattaforma con l'obiettivo di promuovere il dialogo tra autorità ed esperti che si riunirà due volte l'anno

Alessio Pisanò di Alessio Pisanò

gallina-con-pulcini-by-andrea-izzotti-fotolia-750.jpg

Tra i membri di questo nuovo gruppo di lavoro anche Elisabetta Canali dell'Università degli studi di Milano
Fonte foto: © Andrea Izzotti - Fotolia

Per tutelare il benessere degli animali nell'Unione europea è stata realizzata una piattaforma ad hoc e ad inaugurare la prima riunione, il 7 giugno 2017 a Bruxelles, è stato il commissario europeo per la Salute e la Sicurezza alimentare Vytenis Andriukaitis.

Il team riunisce 75 rappresentanti di Ong, esperti scientifici, Stati membri, paesi dello Spazio economico europeo, organizzazioni internazionali ed Efsa, l'Autorità europea per la sicurezza alimentare.
 

Migliorare il benessere degli animali non è soltanto una questione di leggi

La piattaforma, infatti, non rappresenta un forum per stabilire nuove normative. Il suo operato è rivolto a promuovere il dialogo tra le autorità competenti, le imprese, la società civile e gli esperti scientifici sulle questioni legate al benessere degli animali.
L'intento è quello di migliorare l'applicazione delle norme dell'Ue già esistenti attraverso lo scambio di informazioni e la diretta partecipazione dei soggetti interessati.

La piattaforma, dunque, nasce per aiutare la Commissione nello sviluppo e nello scambio di azioni coordinate in materia di benessere animale.
 

La piattaforma si riunirà due volte l'anno

Periodicamente verranno invitati a partecipare ai lavori altri forum o parti interessate a presentare le loro iniziative e attività. "Ciò permetterà di arricchire le discussioni - evidenzia la Dg Health and food safety - e di agevolare la diffusione delle conoscenze, delle iniziative e delle esperienze che i membri potranno utilizzare, facilitando anche il coordinamento e la complementarità tra le iniziative adottate nei vari forum".
 

Anche un'italiana nel team

Tra i 75 membri della piattaforma rientra anche l'italiana Elisabetta Canali, professoressa associata di Zootecnica speciale all'Università degli studi di Milano.
"I vari membri - assicurano dalla stessa direzione generale - sono stati scelti con l'obiettivo di assicurare un'equa rappresentanza di diversi settori e attività, provenienze geografiche e generi".

Quaranta componenti sono stati nominati dal direttore generale responsabile per la Salute e la sicurezza alimentare a seguito di un invito a presentare candidature per rappresentare le imprese, le organizzazioni della società civile e gli esperti indipendenti provenienti da istituti di ricerca.
Gli altri trentacinque, invece, rappresentano istituzioni pubbliche.
La Svizzera ha ottenuto lo status di osservatore della piattaforma (ne potranno essere nominati fino a cinque).
 

Prima attuare la legislazione esistente

"Ora - ha sottolineato nell'intervento d'apertura il commissario europeo alla Salute e alla sicurezza alimentare Vytenis Andriukaitis - dobbiamo assicurarci che questo straordinario strumento fornisca risultati. Il nostro obiettivo più urgente è lavorare meglio per attuare la legislazione esistente, completando i nostri impegni precedenti".

Andriukaitis ha poi annunciato che "potrebbero essere messe in atto numerose azioni non legislative, che potrebbero fornire risultati concreti prima che attraverso un percorso legislativo. Ad esempio, la piattaforma può permettere di realizzare due obiettivi fondamentali per il futuro del benessere degli animali: raggiungere impegni volontari ma concreti e verificabili e individuare i modi migliori per promuovere il valore aggiunto del benessere animale come un vantaggio competitivo sia sul mercato dell'Ue che sul piano globale".
 

Dai trattati al primo meeting

La decisione della Commissione del 24 gennaio che istituiva il gruppo di esperti della Commissione chiamato appunto "Piattaforma sul benessere degli animali" dà attuazione all'articolo 13 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea secondo il quale "fa obbligo all'Unione e agli Stati membri di tenere pienamente conto delle esigenze in materia di benessere degli animali nella formulazione e nell'attuazione delle politiche dell'Unione nei settori dell'agricoltura, della pesca, dei trasporti, del mercato interno, della ricerca e sviluppo tecnologico e dello spazio".

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: benessere animale salute animale

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 19 ottobre a 132.663 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy