Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Metti le vacche al fresco

Con l'avvicinarsi dell'estate gli allevatori italiani sono chiamati a difendere le proprie bovine dai nefasti effetti dello stress da caldo. I consigli di Israel Flamenbaum, guest-star dell'incontro tecnico di Rodigo (Mn) organizzato da Elanco

Alessandro Amadei di Alessandro Amadei

vacca-estate-docce.jpg

Ombra, docce e ventilazione forzata. Questi i principali ingredienti della lotta allo stress da caldo nella vacca da latte
Fonte foto: © Allevatori Top

Un forno a quattro zampe. E' questa l'immagine che l'israeliano Israel Flamenbaum ha utilizzato in occasione di un workshop tecnico organizzato da Elanco a Rodigo (Mn), per descrivere la fisiologica capacità di una vacca da latte di generare calore.

Non deve dunque sorprendere che con l'arrivo della stagione calda e del sole a picco il generoso ruminante vada in sofferenza, cerchi in tutti i modi di diminuire le proprie attività per ridurre la produzione di calore e tenda quindi a manifestare tutti i sintomi caratteristici dello stress termico: calo della produzione, impoverimento qualitativo del latte, peggioramento della conversione alimentare, scadimento delle performance riproduttive e compromissione delle difese immunitarie con incremento delle patologie.
Una serie di problematiche piuttosto impattanti dal punto di vista economico, che, come ben sanno gli allevatori, si protraggono ben oltre la fine dell'estate, quando le temperature esterne sono già ritornate alla normalità.

La buona notizia è che è possibile difendere le mandrie dallo stress da caldo, in modo efficace ed economicamente sostenibile. In che modo? Secondo Flamenbaum, uno dei massimi esperti internazionali in materia, per contrastare efficacemente il caldo umido tipico dell'estate italiana occorre impedire l'irraggiamento solare diretto e favorire il raffrescamento del corpo dell'animale attraverso la combinazione di docce a gocce grosse, capaci di penetrare il mantello e raggiungere la pelle della bovina, e di ventilatori assiali in grado di "sparare" direttamente sulla vacca aria ad alta velocità (3 metri al secondo per una bovina ad alta produzione), in modo tale da favorire l'evaporazione e la dissipazione del calore.


Dove e su chi

Questo trattamento a base di acqua e aria deve essere fornito nella corsia di alimentazione e in sala di attesa mungitura (o in speciali zone di raffrescamento antistanti i robot di mungitura), mentre nell'area di riposo sarà sufficiente la ventilazione offerta dai destratificatori ("elicotteri").
Massima priorità, infine, alle vacche in transizione (gruppo del close-up e del post-parto) e alle bovine ad alta produzione (primi cento giorni di lattazione), per poi passare agli altri gruppi.

Dotandosi delle apposite attrezzature e applicando specifici protocolli aziendali basati su questi principi, secondo Flamenbaum è dunque possibile prevenire gli effetti dello stress da caldo e mantenere le performance produttive e riproduttive su livelli sovrapponibili a quelli invernali.
Senza però dimenticare un altro fondamentale suggerimento offerto all'incontro tecnico di Rodigo, ovvero la necessità di prevenire per via farmacologica, con l'aiuto del proprio veterinario, il bilancio energetico negativo e la défaillance del sistema immunitario. Due gravi inconvenienti che riguardano le bovine in transizione e che vengono seriamente aggravati dallo stress da caldo.

L'allevamento è la tua vita?

L'indirizzo giusto è questo: www.agronotizie.it/allevatoritop
Scarica un estratto, ricevi i primi tre numeri gratis
e contatta lo staff della nuova rivista Allevatori Top

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: latte bovini veterinaria stress da caldo

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia
Irritec

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 7 dicembre a 134.345 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy