Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Glifosate, verso il rinnovo nell'Ue

La Commissione europea è al lavoro per rinnovare l'utilizzo dell'erbicida, ma per un periodo inferiore ai quindici anni. Mentre si attendono altri pareri scientifici, Echa, Oms, Efsa e Fao hanno già dato la loro opinione positiva

Alessio Pisanò di Alessio Pisanò

agrofarmaci-fitosanitari-distribuzione-by-federico-rostagno-fotolia-750.jpeg

Attualmente l'utilizzo di glifosate nell'Ue è reso possibile dalla decisione presa nel 2016 dalla Commissione
Fonte foto: © Federico Rostagno - Fotolia

Commissione al lavoro per rinnovo glifosate

Meno di quindici anni, ma comunque via libera. La Commissione europea lavora al rinnovo delle autorizzazioni per il glifosate, dopo i pareri scientifici che non hanno riconosciuto la natura cancerogena del composto chimico.
Tra gli Stati membri i più critici restano Francia e Svezia, ma l'esecutivo comunitario conta di avere la maggioranza qualificata necessaria per l'approvazione della decisione attesa nei prossimi mesi.
 

Rinnovo, ma per meno di quindici anni

La procedura standard per il periodo di commercializzazione e uso del glifosate è di quindici anni, ma all'interno della Commissione europea si sta discutendo sulla possibilità di permettere l'uso per un periodo inferiore.
Diverse le opzioni sul tavolo, tra queste l'ipotesi di autorizzazione decennale appare al momento la più probabile.

L'esecutivo comunitario però non si sbilancia, dato che proposte legislative ancora non sono state messe a punto né discusse dal collegio dei commissari. Il punto rischia di non essere all'ordine del giorno per diverse settimane: a Bruxelles non ci si attende che la questione glifosate sia oggetto di riunione del collegio a breve.
 

Attesi altri pareri scientifici

La Commissione europea prima di procedere a un'autorizzazione del glifosate attende il parere di organismi scientifici. Il 15 marzo scorso il comitato per la valutazione dei rischi dell'Agenzia europea per le sostanze chimiche (Echa) ha emesso un giudizio preliminare secondo cui il glifosate non dovrebbe essere classificato come cancerogeno, tossico o mutageno.

Anche l'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) e la piattaforma formata dall'Organizzazione mondiale per la sanità (Oms) e l'agenzia per l'alimentazione e l'agricoltura (Fao) ritiene, al pari della autorità nazionali di Canada, Giappone, Australia e Nuova Zelanda, che il glifosate non ponga rischi di cancro.

Per la Commissione europea non ci sono le ragioni sufficienti per poter discutere le prove scientifiche, e quindi si va avanti.
 

Avanti in deroga fino a opinione definitiva

L'esecutivo comunitario attende di ricevere il parere definitivo dell'Echa prima di chiedere il rinnovo delle autorizzazioni del glifosate. A Bruxelles la attendono entro fine maggio.
Una volta ricevuta una decisione dovrà essere presa entro sei mesi dalla decisione, il che vuol dire che c'è tempo fino a fine novembre perché il collegio licenzi la proposta, che poi però dovrà essere sottoposta al voto del Comitato permanente animali, piante e cibo (Paaf). Qui la parola spetterà ai rappresentanti degli Stati membri. Francia e Svezia sono tra i più critici, ma serve la maggioranza qualificata.

In questo momento nell'Ue l'utilizzo di glifosate è reso possibile dalla decisione presa dalla Commissione nel 2016, con cui Bruxelles ha esteso il periodo di utilizzo del composto chimico, approvato nel 2001 e il cui uso scadeva il 31 dicembre 2015, fino al momento del parere definitivo dell'Echa.
 

Standard di sicurezza Ue adeguati

La Commissione a luglio dell'anno scorso ha vietato l'utilizzo del poliossietilene (Poea) per i prodotti a base di glifosate. Il Poea è stato vietato per ridurre gli impatti sulla salute umana nei parchi pubblici e giardini. Una decisione che secondo l'esecutivo comunitario mostra la serietà dei controlli e dell'approccio europeo nel momento di assumere decisioni ritenute delicate.

Questi sistemi di valutazione, controllo e decisione sono alla base della proposta che la Commissione metterà a punto prossimamente.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: agrofarmaci unione europea erbicidi Glifosate glifosate

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 21 settembre a 132.247 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy