Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Registrati gratuitamente la tua agricoltura è online!
Una Mano per i Bambini

Dall'1% al 10%: salto in lungo per l'agricoltura di precisione

Entro il 2021 il 10% della superficie agricola dovrà essere coltivata mediante la precision farming: fissate le linee guida. Guarda la videointervista a Michele Pisante, professore dell'Università di Teramo

Barbara Righini di Barbara Righini

agricoltura-di-precisione-by-montri-fotolia-750.jpeg

Agricoltura di precisione, fissate le linee guida per raggiungere l'obiettivo del 10% della superficie agricola
Fonte foto: © Montri - Fotolia

Le linee guida ci sono, i dati sono stati raccolti e anche l'obiettivo (10% della superficie agricola al 2021 coltivata ad agricoltura di precisione) è stato fissato.
Il gruppo di lavoro sulla precision farming ha tracciato le linee, dopo aver concluso anche la fase di raccolta di informazioni dal basso, attraverso una consultazione pubblica alla quale chiunque poteva partecipare.

Leggi l'approfondimento di AgroNotizie: Agricoltura di precisione in campo

Michele Pisante, professore di Agronomia e coltivazioni erbacee presso l'Università degli studi di Teramo e coordinatore del gruppo di lavoro presso il Mipaaf ha confermato ad AgroNotizie: "Dopo la prima fase di raccolta dati abbiamo esplorato risorse e opportunità disponibili, a scala nazionale e regionale, per aumentare i supporti tecnologici e per adeguare le macchine che già operano".

Il risultato dell'analisi è chiaro: per raggiungere l'obiettivo un ruolo chiave lo giocheranno la formazione e il coinvolgimento dei contoterzisti. "Il 'Piano Industria 4.0' apre al contoterzismo" ha spiegato. "Il contoterzista ora potrà accedere a risorse per l'acquisto di tecnologia. I contoterzisti possono rappresentare veramente il salto di qualità: gestendo superfici più ampie, sono coloro che possono beneficiare di più delle tecnologie digitali dal punto di vista del rapido ritorno economico".

Analizzando poi gli stimoli arrivati da chi ha risposto alla richiesta del ministero per la raccolta di informazioni, è evidente la necessità di formazione. "Uno dei gap fondamentali da colmare è proprio la formazione. E' necessario che agronomi, periti, agrotecnici, aiutino gli agricoltori e i contoterzisti a fare il salto di qualità".

Solo l'1% del terreno agricolo al momento è lavorato ad agricoltura di precisione ma il quadro non è così sconsolato: "Molti settori come la viticoltura e come la risicoltura sono avanti" ha continuato Pisante. "Proprio attraverso l'agricoltura di precisione gli imprenditori agricoli in questi settori hanno superato difficoltà incrementando la produttività".

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: intervista agricoltura di precisione contoterzismo formazione tecnologie

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 22 giugno a 131.876 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy