Forum

Home   Supporto

Iscriviti alla community per partecipare al forum e vedere gli autori dei messaggi

Difesa da funghi e batteri
Vitene R WG e Vitene Blu Triplo

Discussione avviata martedì 9 luglio 2013 - 22:06 • viste: 2685 • risposte: 1

Vitene R WG e Vitene Blu Triplo

Scritto mercoledì 10 luglio 2013 - 00:06

Visto il periodo stagionale in cui siamo per la vite:

Si può miscelare il Vitene R WG (idrosolfato di rame) con il Vitene Blu Triplo? Se si, quanto ne posso miscelare ad hl? E così facendo quanti giorni devo mantenere al prossimo trattamento?

Avendo da anni, perché regalato a mio nonno, un prodotto di nome Folmak (contenente Fosetil Al e Folpet), potrei miscelarlo, nella prossima stagione, con il Vitene Blu Triplo o è meglio a parte?

Grazie a chi mi vorrà rispondere...

rispondi

RE: Vitene R WG e Vitene Blu Triplo

Scritto mercoledì 17 luglio 2013 - 16:43

aifen71 wrote:

Visto il periodo stagionale in cui siamo per la vite:

Si può miscelare il Vitene R WG (idrosolfato di rame) con il Vitene Blu Triplo? Se si, quanto ne posso miscelare ad hl? E così facendo quanti giorni devo mantenere al prossimo trattamento?

Avendo da anni, perché regalato a mio nonno, un prodotto di nome Folmak (contenente Fosetil Al e Folpet), potrei miscelarlo, nella prossima stagione, con il Vitene Blu Triplo o è meglio a parte?

Grazie a chi mi vorrà rispondere...

Buongiorno
in teoria non ci sarebbero problemi alla miscela... Dico in teoria in quanto la registrazione del prodotto da lei menzionato è stata revocata, questo l'estratto del documento di revoca: "Autorizzazione revocata a decorrere dal 21 luglio 2008, con possibilità di commercializzazione e utilizzo delle scorte fino al 31 ottobre 2008, come da Decreto 21 luglio 2008 (GU n 182 del 5-8-200Cool".
L'esecuzione di tale provvedimento è stata poi sospesa dal Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio con ordinanza del 8 ottobre 2008, successivamente revocata dal Consiglio di Stato su ricorso del Ministero della Salute.
Quindi per non incorrere in sanzioni che in tale caso oltre che ad essere pecuniarie prevedono il carcere, la invito caldamente a portare il prodotto presso un centro di smaltimento di rifiuti "speciali". Inoltre le rammento che le caratteristiche chimico fisiche di un agrofarmaco sono garantite dal produttore per un massimo di due anni (il prodotto che lei ha tra le mai ha almeno 5 anni!!!) a condizione che lo stesso venga propriamente conservato (lontando da fonti di calore, umidità, freddo, ecc.).
A sua disposizione per ogni chiarimento
Cordiali saluti
Andrea Bergamaschi

rispondi

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner