Forum

Home   Supporto

Iscriviti alla community per partecipare al forum e vedere gli autori dei messaggi

Difesa da parassiti animali
Parassiti olivo

Discussione avviata lunedì 31 marzo 2008 - 19:46 • viste: 8922 • risposte: 13

Parassiti olivo

Scritto lunedì 31 marzo 2008 - 08:10

Nella mia zona (Provincia di Pisa) gli oliveti sono quasi tutti infestati da un insetto (margaronia ?) che
attacca i nuovi germogli specialmente nella parte più
alta della pianta. Alcune foglioline i presentano rosicate verso la parte opposta al picciolo mentre quelle più grandi lo sono nella pagina inferiore. C'è chi dice che tutto sommato non è un grosso problema e non è il caso di intervenire (es. Pomex).
Secondo me le piante ne risentono non poco.
Vorrei qualche consiglio!
Saluti a tutti
Leonardo

rispondi

RE: Parassiti olivo

Scritto lunedì 31 marzo 2008 - 12:22

Sicuramente è un trauma che i giovani germogli subiscono. Molti dicono che non è un grande problema (non quest'anno, i risultati si vedono l'anno prossimo!). Io le dico che dipende dal livello dell'inestazione, comunque interverrei con un prodotto specifico al momento del primo trattamento rameico (aprile).
A disposizione.

rispondi

RE: Parassiti olivo

Scritto lunedì 31 marzo 2008 - 13:47

Ringrazio per l'intervento Francesco M. al quale chiedo se può andare bene il "Pomex" ed eventualmente se insieme al trattamento rameico?
Grazie e saluti.
Leonardo

rispondi

RE: Parassiti olivo

Scritto lunedì 31 marzo 2008 - 17:28

Mi dispiace molto ma non ti posso errere utile, perchè
dalle mie parti non c'è l'ombra di un olivo.
Ciao Leonardo e in bocca al lupo.
Sergio Tagliaferri

rispondi

RE: Parassiti olivo

Scritto giovedì 3 aprile 2008 - 16:10

Può usare il "Suprafos" (funziona anche per la Tignola, Mosca, Oziorrinco e neanidi di Cocciniglie), alla dose di 300 ml/hl (3 lt/ha), intervenendo al picco del volo, circa giugno-luglio.
uò ripetere i trattamenti anche con rame (eviterei però la poltiglia bordolese e pasta caffaro).
Può andare bene anche il Pomex.
Mi faccia sapere.
Saluti.

rispondi

RE: Parassiti olivo

Scritto venerdì 4 aprile 2008 - 10:24

La sintomatologia da te descritta, più che alla margaronia mi fa pensare all'oziorrinco. Infatti i danni da margaronia (che consistono principalmente nella rottura dei giovani apici vegetativi per l'eosione interna operata dalle larvette), si verificano nel periodo fine maggio - fine luglio e sono facilmente controllabili con gli stessi principi attivi usati per tignola (anche la margaronia è una tignola) e mosca. I danni da te descritti ed il periodo in cui siamo mi fanno pensare all'oziorrinco, un coleottero; i suoi danni diventano importanti solo su piantine giovani (come per la margaronia) e il metodo di lotta più efficace consiste nell'impedire all'insetto di risalire il tronco durante la notte (quando fa il danno) con manicotti di "lana di vetro" nei quali si impiglia. Alcuni usano un'esca fatta con zucchero (o crusca), acqua e un fosforganico da distribuire accanto al pedale a piccolissime dosi (un cucchiaino per pianta.
Cordialità.

rispondi

RE: Parassiti olivo

Scritto giovedì 10 aprile 2008 - 01:17

Convengo anch'io che per la presenza della margaronia siamo al limite, tuttavia tra sfarfallamento (come periodo ci siamo), copula, ovideposizione e nascita delle larvette non passano tanti giorni. D'ltra parte l'oziorrinco dell'olivo, Othiorrhynchus cribrocollis, compare ben più tardi. Tenderei a escludere per vari motivi un altro fitofago defogliatore presente già in aprile, che è la cantaride.
Comunque le erosioni da oziorrinco sono abbastanza facilmente diagnosticabili, in quanto appaiono come smangiature vagamente semicircolari sui bordi della lamina fogliare. I danni da margaronia sono assai diversi: intanto le parti più attaccate sono i germogli più alti sui succhioni e sui polloni, e le foglioline appaiono rosicchiate anche con perforazioni e soprattutto legate con fili sericei. Prova a controllare cosa più corrisponde. Eventuali trattamenti generalmente vengono posticipati in estate/inizio autunno in quanto danneggia anche le drupe (in Toscana questo fitofago compie fino a 5 generazioni all'anno).
Un p.a. che viene consigliato e che sicuramente è assai meno tossico del Pomex (=carbaryl), che per inciso è stato revocato in data 21/11/2007 anche se è impiegabile ancora per quest'anno, è l'azadiractina.
Mi interesserebbe conoscere il seguito.
Saluti.

rispondi

RE: Parassiti olivo

Scritto venerdì 11 aprile 2008 - 20:10

Quali trattamenti mi consigliate in questo periodo per tenere in buono stato il mio oliveto situato nella provincia di Brindisi?
Saluti.

rispondi

RE: Parassiti olivo

Scritto sabato 12 aprile 2008 - 10:25

Direi di utilizzare l'insetticida.
Saluti.

rispondi

RE: Parassiti olivo

Scritto sabato 12 aprile 2008 - 10:48

Non sono un esperto agricoltore, perchè da poco ho intrapreso tale attività. Partecipando ad un corso per prendere il patentino che autorizza all'uso dei fitofarmaci nocivi, un professore ha spiegato he è preferibile fare gli opportuni trattamenti quando si presenta il problema e non, come facilmente si fa, a calendario. E' vero?
Grazie.
Saluti.

rispondi

RE: Parassiti olivo

Scritto domenica 13 aprile 2008 - 11:19

Certo che è vero, bisognerebbe campionare i voli degli insetti e le larve sui rametti, ma spesso la voglia di trattare vince sul buon senso.
Cordiali saluti.

rispondi

RE: Parassiti olivo

Scritto sabato 19 aprile 2008 - 16:55

Salve Leonardo, io mi chiamo Andrea e sono un esperto di olivicoltura. Il tuo problema lo devi risolvere ora, in quanto deve ancora avvenire la fioritura (potresti infatti avere anche dei problemi suifiori). Io ti consiglio di trattare con un insetticida biologico da solo e non in miscela con altri prodotti; ti devi procurare un prodotto che ti possa acidificare l'acqua affinchè possa agire con successo il trattamento.
I prodotti che puoi utilizzare sono i seguenti:
- Lepinox Plus Bioinsetticida Biologico, a base di Bacillus Thurigensis, dose circa 0,750-1,5 kg/ha, casa distributrice Bio-intrachem; ripetere dopo 6-8 giorni.
Per quanto riguarda l'acidificante puoi utilizzare Fertacid: viene utilizzato a secondo della qualità dell'acqua che utilizzi per il trattamento. E' sempre distribuito dalla Bio-Intrachem. Lo trovi presso tutte le farmacie agricole della tua zona, eventualmente se hai difficoltà a reperire il prodotto puoi chiamare il Dr. Riccardo Innocenti al numero 335-5382767, per indicarti la rivendita più vicina nella tua zona o farti consegnare il prodotto a casa.
Spero di esserti stato d'aiuto; fammi sapere.
Saluti.
Agr.Andrea Specchia

rispondi

RE: Parassiti olivo

Scritto giovedì 26 aprile 2012 - 13:14

Buongiorno signori, il mio uliveto è abitato dal ciono del frassino. Non so come combatterlo con sostanze accettate dall'agricoltura biologica.
Un agricoltore biologico mi ha consigliato l'azadiractina ma ho letto che non agisce ne sulle uova ne sugli adulti. Ho una certa fretta, il mio vicino ha lo stesso problema e la prossima settimana tratterà con dimetoato.
Avete una soluzione o un suggerimento per ulteriori informazioni? Grazie

rispondi

RE: Parassiti olivo

Scritto domenica 11 maggio 2014 - 21:57

Ciao Ragazzi,
mi sono appena iscritto al forum e sono un neofita in agricoltura. Da un anno ho acquistato un terreno sul quale sono presenti una cinquantina di ulivi secolari. dal momento che non venivano potati da un decennio circa, ho deciso di chiamare un addetto ai lavori che ha effettuato una buona potatura. La potatura è stata effettuata in aprile dell'anno scorso. Quest'anno un sola pianta, una delle più piccoline, ha stentato a ripartire con nuovo fogliame e in marzo l'ho concimata con un concime bicomponente. Ad oggi la pianta è rimasta gracilina, ma sono spuntate timidamente nuove foglia (poche rispetto alle altre piante) ed è anche fiorita. Sul tronco sono comparsi anche licheni. Mi hanno consigliato di continuare a concimare ed ho dato del solfato ammonico. Preciso che il terreno si trova in Puglia in provincia di Brindisi in una zona collinare abbastanza fresca in inverno. So che i licheni indicano un ambiente non inquinato (licheni di colore biancastro/verde), so anche che non sono dannosi ma che attecchiscono su piante debilitate/malate. é plausibile che l'olivo, che è uno dei due non secolari del terreno (altezza 3,5/4 metri - raggio tronco 45/50 cm circa), abbia sofferto della potatura abbastanza drastica? Devo effettuare controlli specifici? Come posso risolvere il problema?
Grazie mille

rispondi

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner