Forum

Home   Supporto

Iscriviti alla community per partecipare al forum e vedere gli autori dei messaggi

Difesa da funghi e batteri
dosaggio fitofarmaci

Discussione avviata domenica 13 gennaio 2013 - 09:47 • viste: 8416 • risposte: 7

dosaggio fitofarmaci

Scritto domenica 13 gennaio 2013 - 10:47

Salve a tutti, faccio questa domanda perchè stò per acquistare una vigna che per metratura è 6 volte la mia attuale ma sfruttata in modo diverso, a me è sempre stato detto che il dosaggio per non sbagliare era quello per ettaro, ma il numero di piante in proporzione è inferiore di cui una parte sono al secondo anno e un'altra parte verrà trapiantata quest'anno, come mi devo regolareDomanda
P.S. utilizzo un atomizzatore spalleggiato
Grazie e buona domenica

rispondi

RE: dosaggio fitofarmaci

Scritto lunedì 14 gennaio 2013 - 17:51

Già l'atomizzatore spalleggiato, a motore immagino, implica normalmente l'utilizzo a più concentrazioni della miscela anticrittogammica, cosa della quale si è già parlato nel forum con riferimento al dosaggio per ettaro rapportato all'acqua. E lo possiamo rispiegare tutte le volte che è necessario, tanto è importante distribuire in modo corretto le miscele; rifendoci al caso concreto io propongo sempre e con qualsiasi macchina una prova in bianco, con semplice acqua dunque, anche prima della stagione vegetativa, tanto per aggiustare il tiro, considerando che in funzione della stagione e dello sviluppo della superficie fogliare, oltre che dell'età delle piante, avremo giocoforza aree diverse da coprire.
Da quel momento si andrà a crescere proprio considerando quanta vegetazione dovremo andare a trattare.
Resto a disposizione per altri chiarimenti in merito.

rispondi

RE: dosaggio fitofarmaci

Scritto lunedì 14 gennaio 2013 - 18:45

Grazie Angicons.
Si l'atomizzatore è a basso volume, ne approfitto per chiederti (io lo faccio sempre) se è necessario passare su entrambe le pareti? Chi usa atomizzatori trainati o portati passano a file alterne: proteggono nella stessa misura?
Ciao Lorenzo

rispondi

RE: dosaggio fitofarmaci

Scritto giovedì 17 gennaio 2013 - 14:24

Di per sè e in teoria, utilizzando un prodotto sistemico, ad esempio, il principio potrebbe essere applicabile; nella pratica l'atomizzatore trainato, alla stessa velocità di avanzamento distribuisce semplicemente meno acqua ma passa ove è sempre passato in ogni caso.
Il vantaggio sta nelle minori soste per il carico, pensiamo alle grandi aziende magari con terreni non contigui e nel tempo inferiore dedicato quindi alla preparazione delle miscele che risulteranno proporzionalmente più concentrate e semmai più bisognose di attenzione nella fase di manipolazione dei prodotti per la difesa.
Non dimentichiamoci anche della più veloce asciugatura grazie alla dimensione delle particelle, meno soggette a percolazione ma più a rischio deriva.
Quindi le variabili restano comunque tante; pendenza, ventilazione, forma di allevamento, fase fenologica, precisione della macchina in funzione di età, manutenzione, modello, pressione di esercizio, ugelli montati e quant'altro. Chiaro che a inizio stagione, con minore presenza di apparato fogliare, la penetrazione nella chioma ad esempio sarà senz'altro meno problematica.

rispondi

RE: dosaggio fitofarmaci

Scritto sabato 19 gennaio 2013 - 21:19

Vorrei dare un mio contributo a questo quesito che di per se non e propriamente corretto. Se usi un atomizzatore spalleggiato o usi un atomizzatore di grosse dimensioni l'unica cosa che cambia è solamente la quantita d'aqua che utilizzi, mentre il prodotto da utilizzare deve essere calcolato si ad ettaro, ma riferito alla superfice che devi trattare. Ad esempio se hai circa, ipotesi, 5000 metri quadrati di vigneto devi fare il calcolo della dose necessaria moltiplicando per 10 la dose indicata sulla confezione e poi per i metri quadrati da trattare. Per quanto riguarda il passagggio da entrambe le pareti del filare, se tratti con un atomizzatore spalleggiato, quando la vegetazione ha raggiunto il suo massimo sviluppo e obbligatorio il doppio passaggio.

rispondi

RE: dosaggio fitofarmaci

Scritto domenica 20 gennaio 2013 - 13:44

Ciao,
scusa ma non ho capito il calcolo, io ho sempre fatto prendendo in esame il parametro 5000 dosaggio della confezione diviso 10000 x 5000, non capisco il x 10 e x 5000. Altra cosa il mio quesito non si riferisce al dosaggio in genere ma al mio singolo caso, cioè al numero di piante inferiore in proporzione a quello attuale. Per quanto riguarda al passaggio su entrambe le pareti ti ringrazio del consiglio.
Ciao Lorenzo e buona domenica

rispondi

RE: dosaggio fitofarmaci

Scritto lunedì 21 gennaio 2013 - 18:32

bellanloren wrote:

Ciao,
scusa ma non ho capito il calcolo, io ho sempre fatto prendendo in esame il parametro 5000 dosaggio della confezione diviso 10000 x 5000, non capisco il x 10 e x 5000. Altra cosa il mio quesito non si riferisce al dosaggio in genere ma al mio singolo caso, cioè al numero di piante inferiore in proporzione a quello attuale. Per quanto riguarda al passaggio su entrambe le pareti ti ringrazio del consiglio.
Ciao Lorenzo e buona domenica

Il calcolo che devi fare è quello di moltiplicare la dose indicata sulla confezione per 10, così ottieni la dose da distribuire per ettaro, dopodiche la devi moltiplicare per la superficie che hai di vigneto. Ad esempio se la dose sulla confezione e di 400 gr/hl devi moltiplicarla per 10 che farebbe 4 kg/ha, dopo la moltiplichi per la superfice di vigneto che hai.

rispondi

RE: dosaggio fitofarmaci

Scritto martedì 22 gennaio 2013 - 19:09

Ok, era solo un malinteso io parlavo di dose ettaro e tu ettolitro.
Ciao
Lorenzo
Molto felice

rispondi

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner