Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Mais Ogm, il Mipaaf risarcisce Silvano Dalla Libera

2.000 euro di spese legali a seguito del decreto del 2010. Lo stabilisce una sentenza del Tar del Lazio
mais-ogm-vivaro3.jpg

Mais Ogm a Vivaro

Lo Stato italiano risarcirà le spese legali di 2.000 euro all’agricoltore Silvano Dalla Libera, vice presidente di Futuragra, per il ricorso al decreto interministeriale del 2010.

Nel marzo di tre anni fa infatti i Ministri Zaia, Prestigiacomo e Fazio firmarono un decreto per vietare a Dalla Libera di seminare sul suo campo mais Bt. Quindici mesi dopo il Tar del Lazio condannò il ministero delle Politiche agricole a risarcire Dalla Libera, per avergli impedito di coltivare sementi Ogm nei suoi terreni nonostante una sentenza del Consiglio di Stato avesse riconosciuto il suo diritto.
“Dopo oltre due anni il ministero rispetta le leggi - ha dichiarato Dalla Libera -. Il risarcimento delle spese legali è solo il primo dei rimborsi che aspettiamo per i danni economici subiti. Riteniamo giusto però che a rimborsarci siano proprio quei Ministri che volutamente non hanno rispettato le leggi europee e non lo Stato sotto forma di tasse pagate dai cittadini”.

“Questa sentenza costituisce un precedente importante anche per il decreto dello scorso luglio presentato dai ministri De Girolamo, Lorenzin e Orlando, che Futuragra intende impugnare e denunciare alla Commissione europea proseguendo la sua battaglia per poter seminare e produrre Ogm nel nostro Paese e a fianco degli agricoltori che vogliono accedere all’innovazione - ha continuato Dalla Libera -. Questo decreto voluto dal ministro espone l’Italia al rischio di una procedura di infrazione da parte dell’Unione europea, che verrebbe pagata con i soldi dei contribuenti. La Commissione europea ha infatti più volte ribadito che non è possibile sottoporre ad autorizzazione nazionale le varietà che sono regolarmente iscritte nel catalogo comune europeo, come il MON 810”.

"I numeri degli ultimi dieci anni sono impietosi: l’agricoltura italiana ha perso 5 miliardi di euro e oltre 500 mila aziende agricole sono state costrette a cessare l’attività - conclude il vice presidente di Futuragra -. Quelli che tentano di bloccare l’introduzione degli Ogm nel nostro Paese agiscono per un fatto esclusivamente politico, in spregio al diritto europeo che ci permette di produrre cibo sano, nel rispetto della salute dei consumatori e dell’ambiente e con un maggiore guadagno per le imprese”.
 

Fonte: Futuragra

Tag: ogm ogm

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 3 agosto a 131.904 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy