Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Ecosyn, sinergizzanti per ridurre l’effetto nocivo degli agrofarmaci

Oggi all'Università Cattolica di Piacenza, dalle 9 alle 14, kick off meeting del progetto europeo
univ-cattolica-piacenza-logo.jpg

Fonte foto: Ecosyn, oggi la presentazione del progetto all'Università Cattolica di Piacenza

La ricerca al servizio dell’uomo. Si tiene oggi in Cattolica il kick off meeting di Ecosyn, il progetto europeo biennale il cui obiettivo è produrre molecole non tossiche, i sinergizzanti, capaci di aumentare l’efficacia degli insetticidi, redendoli così meno nocivi.

“L’idea è quella di sviluppare nuove molecole sinergizzanti da impiegare sia contro gli insetti dannosi all’agricoltura sia contro quelli dannosi in ambiente urbano/domestico (quali mosche e zanzare) consentendo una riduzione del quantitativo di insetticidi impiegati, con effetti benefici sull’ambiente (es. minori problemi per le api e altri insetti non dannosi) e sulla salute dei consumatori”, sottolinea il prof. Emanuele Mazzoni, docente dell’Istituto di Entomologia e Patologia vegetale e coordinatore del progetto per la facoltà di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali della Cattolica.

Le specie dannose di insetti provocano perdite significative alle produzioni agricole e possono essere responsabili della trasmissione di numerose malattie sia alle piante che agli animali. Gli insetticidi sono stati a lungo impiegati per combattere questi organismi e rimangono essenziali per garantire un rifornimento adeguato di cibo e per limitare la diffusione di molte malattie. Purtroppo l’uso talvolta indiscriminato di insetticidi ha prodotto effetti indesiderati, quali un preoccupante incremento dei livelli di contaminazione ambientale e un pericoloso aumento dei casi di resistenza agli insetticidi da parte degli insetti.

Una delle strade percorribili per ridurre questi effetti è quello di utilizzare dei “sinergizzanti”. Si tratta di molecole non tossiche ma che quando abbinate ad un insetticida ne aumentano enormemente l’efficacia perché inibiscono quei processi metabolici che negli insetti portano alla detossificazione degli insetticidi. Lo scopo del progetto è quello di produrre nuovi sinergizzanti ancora più ecocompatibili (da qui l’acronimo del progetto: Ecosyn, cioè sinergizzanti ecocompatibili).

Al progetto, finanziato dall'Unione europea, partecipano piccole e medie imprese di Italia (Endura Spa di Bologna), Regno Unito (Dewar Crop Protection Ltd e AGChemAccess Ltd), Ungheria (Babolna Bio Ltd), Turchia (Ankara Ileri Teknol YatirimlariI Anonim Sirketi).

A queste imprese è affiancata l’attività di ricerca fornita, oltre che dall’Università Cattolica del Sacro Cuore (prof. Emanuele Mazzoni e i suoi collaboratori dell’Istituto di Entomologia e Patologia vegetale), dal centro di ricerche di Rothamsted in Inghilterra e dall’Istituto nazionale Cecoslovacco di apicoltura.

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 3 agosto a 131.904 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy