Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Cercateli certificati

Il mercato della nutrizione vegetale offre cataloghi di assoluto valore e rispettosi delle normative vigenti. Gli agricoltori è bene che tengano conto solo di questi, stando lontani da offerte e prodotti sospetti

Info aziende
ricerca-scienza-laboratorio-esperimenti-by-lordn-fotolia-750.jpeg

I fertilizzanti: si è sicuri solo se certificati
Fonte foto: Lordn - Fotolia

Non è passato in fondo molto tempo da quando vennero segnalati diversi stock di fertilizzanti vietati per un presunto contenuto di matrina. Stock di cui vennero sequestrate circa 65 tonnellate nel corso di un'operazione della Guardia di Finanza e di Icqfr, ovvero l'Ispettorato centro della tutela della qualità e repressione frodi agroalimentari. Né si sono spenti gli eco delle indagini e degli arresti per alcuni commerci di fanghi non esattamente conformi a quanto stabilito dalla Legge.

Dura infatti appare la lotta combattuta dalle istituzioni verso la circolazione di prodotti venduti come fertilizzanti pur non avendo tutte le carte in regola per essere considerate tali.

Non solo Guardia di Finanza, ovviamente, ma anche Assofertilizzanti, con un'azione capillare di monitoraggio e campionamento volto a individuare irregolarità nella composizione dei formulati.
Da tempo Federchimica - Assofertilizzanti collabora infatti con le Forze dell’Ordine che lottano contro la piaga degli smaltimenti illegali.

Spesso gli agricoltori, talvolta in buona fede altre volte meno, utilizzano infatti prodotti, fanghi e altre matrici sedicenti fertilizzanti, facendosi allettare da prezzi particolarmente bassi. Quando addirittura non vengono pagati pur di concedere i propri campi allo smaltimento di fanghi di dubbia origine. Cose da codice penale, è bene ricordarlo, nel caso quelle matrici si dovessero poi rivelare illegali.
 
Un comportamento che quindi stride con gli sforzi fatti dall’agricoltura per seguire strade sempre più virtuose per produrre minimizzando le pressioni ambientali.

Unica via d'uscita, conoscere le conseguenze delle proprie azioni e assumersene la responsabilità, cercando di utilizzare solo prodotti di assoluta certezza quanto a composizione e origine. Ciò può verificarsi solo rivolgendosi a rivendite autorizzate che commercializzano prodotti che rispettano pienamente i dettami delle Leggi vigenti.

Sul mercato vi sono infatti aziende che hanno raccolto nel tempo le più ambite certificazioni di qualità. Uno sforzo anche economico, il quale va riconosciuto anche quando si parli di prezzo alla vendita. Perché le grandi occasioni, di solito, sono un po' come le buone intenzioni nelle vie che portano all'inferno.

Fonte: Italpollina

Tag: concimi

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 16 novembre a 133.856 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy