Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Deciso quando serve

A base di rame e zinco chelati, Blattab® di L.Gobbi permette di accelerare il processo di caduta foglie e al contempo migliora la qualità del legno nelle colture trattate

Info aziende
gobbi-blattab.png

Blattab® di L.Gobbi: per la frutticoltura di qualità

Somministrare alle piante i giusti nutrimenti a fine stagione permette di stimolare la maturazione del legno come pure accelera la caduta delle foglie. Inoltre, contribuisce a prevenire i danni da freddo.

Utilizzabile sia su piante in produzione sia in vivaio, Blattab® di L.Gobbi è una miscela liquida di microelementi, ovvero rame e manganese, entrambi chelati con EDTA, solubile in acqua.
La formulazione, prodotta su base organica, appare inoltre la più idonea ed efficace su colture quali fruttiferi, rose da bacca e peperoncino ornamentale. Infine, circa i contenuti, rame e manganese chelati sono presenti rispettivamente in ragione del 6% e del 2%.

Blattab® si utilizza a dosi variabili a seconda della coltura e dell'obiettivo desiderato (vedi tabella degli impieghi), spaziando fra i 200 e 450 ml/hl.
Il suo uso è consigliato in special modo su varietà di colture drupacee e pomacee che stentano a perdere le foglie una volta inattive. In tal caso i dosaggi sono di 350 ml/hl su melo e fra i 350 e i 450 ml/hl su drupacee.
 

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 16 novembre a 133.856 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy