Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Manutenzione prevista per il 22 agosto I nostri siti non saranno raggiungibili fra le 9 e le 13
Una Mano per i Bambini

Biodiversità, contributi per 50 milioni di euro

Con la pubblicazione del bando, la sottomisura 10.2 entra nella sua piena operatività. Ora la parola passa al mondo zootecnico per formulare proposte in linea con gli obiettivi del Programma di sviluppo rurale nazionale 2014-2020

Giovanni De Luca di Giovanni De Luca

maremmana-santa-severa-109-fonte-allevatori-top.jpg

La biodiversità è uno dei tratti salienti del patrimonio zootecnico italiano
Fonte foto: © Allevatori Top

Per tutti è semplicemente il "bando biodiversità", perché il suo vero nome è troppo lungo per essere memorizzato correttamente. 

Stiamo parlando del "Programma di sviluppo rurale nazionale 2014-2020 - sottomisura: 10.2 - Sostegno per la conservazione, l'uso e lo sviluppo sostenibile delle risorse genetiche in agricoltura - Attività di caratterizzazione delle risorse genetiche animali di interesse zootecnico e salvaguardia della biodiversità". 

Una misura che il mondo zootecnico aspettava da tempo perché in ballo ci sono più di 50 milioni di euro di dotazioni.
Ai bovini andranno circa 35 milioni, mentre le restanti somme verranno ripartite fra bufali, ovicaprini, suini, conigli, equidi e avicoli.

Questi gli obiettivi
La sottomisura 10.2 ha obiettivi impegnativi quanto ampi, visto che si propone di conservare la caratterizzazione del patrimonio genetico animale e di mantenere la variabilità genetica attraverso una serie di azioni finalizzate alla caratterizzazione, alla raccolta e all'utilizzo sostenibile delle risorse genetiche in agricoltura.
Traguardi impegnativi necessari per conoscere e valorizzare l'unicità genetica e le connesse potenzialità produttive attuali e future, in considerazione dell'importanza rivestita dalla biodiversità ai fini scientifici, economici, ecologici, storici e culturali. 

Il tutto non nella logica di creare uno "zoo" dove proteggere un tesoro chiamato biodiversità, ma piuttosto trasformare la conservazione in un concetto che includa, oltre a quello della salvaguardia, anche l'uso sostenibile della biodiversità animale ad interesse zootecnico. 

Un modo per valorizzare il lavoro degli allevatori italiani che nelle razze "minori" hanno sempre creduto e condiviso con il consumatore le gioie e i prodotti derivanti da questi animali e dai territori in cui vivono.

Un bel gruzzoletto, per ottenere il quale occorrerà una squadra ben rodata, vista la complessità del bando e la necessaria presenza di un apparato amministrativo e scientifico piuttosto articolato.

L'allevamento è la tua vita?

L'indirizzo giusto è questo: www.agronotizie.it/allevatoritop
Scarica un estratto, ricevi i primi tre numeri gratis
e contatta lo staff della nuova rivista Allevatori Top

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: psr biodiversità genetica

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 3 agosto a 131.904 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy