Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

L’olio di palma nuoce all’agricoltura italiana

Fra le "mezze verità" diffuse sull’olio di palma sostenibile e sull’opacità normativa euroburocratica a tutela di alcune categorie industriali, attualmente l’unica fonte d’informazione ufficiale e neutrale che non lascia ombra di dubbio, sono i dati della Fao: a causa delle importazioni d’olio di palma l’oleicoltura italiana ci rimette. A cura di Mario A. Rosato

Mario A. Rosato di Mario A. Rosato

Tecnica
olio-di-palma-by-dolphfyn-fotolia-750.jpeg

Sono numerose le campagne delle multinazionali a favore dell'olio di palma sostenibile, ma al contempo esistono anche azioni di boicottaggio da parte degli ecologisti
Fonte foto: © dolphfyn - Fotolia

Esistono in questo momento campagne a favore dell’olio di palma “sostenibile”, condotte dai principali produttori e utilizzatori multinazionali di questo prodotto e nel contempo azioni di boicottaggio intraprese da gruppi ecologisti, associazioni di consumatori e nutrizionisti.

Si osserva come i dibatti si centrino piuttosto su questioni importanti, ma poco sentite dall’italiano medio, come la distruzione dell’habitat dell’orangutan, della tigre e del rinoceronte bianco, o questioni di stampo allarmistico, come gli effetti negativi dell’olio di palma sulla salute pubblica. Nessuno sembra però focalizzare il problema fondamentale: circa tre quarti dell’olio di palma importato in Italia servono solo a produrre energia elettrica, consentendo a grandi gruppi, perlopiù stranieri, di sfruttare gli incentivi statali, che paghiamo tutti noi in bolletta.

Sebbene lo scopo originale di tali incentivi fosse l’adempimento dell’Italia agli obblighi del Protocollo di Kyoto, le sovvenzioni statali all’energia prodotta con “biocarburanti sostenibili”, hanno comportato la corsa all’olio a basso prezzo. Inoltre le istituzioni europee hanno “aiutato” l’industria tedesca dei grandi motori Diesel, dichiarando “per decreto” l’ammissibilità dell’olio di palma fra i “biocarburanti sostenibili”.

La presente indagine ha come scopo quello di fare un po’ di chiarezza sulle “mezze verità” e sulla disinformazione messe in circolazione sia dai sostenitori che dai detrattori dell’olio di palma, dal punto di vista degli effetti sull’economia agricola italiana che sta causando tale prodotto.

Elenchiamo, uno ad uno, gli argomenti raccolti a favore dell’olio di palma e li smentiremo scientificamente. Infine analizzeremo con statistiche alla mano le conseguenze per l’agricoltura e l'industria olearia italiana.

Verità e menzogne sugli effetti dell’olio di palma sulla salute 
  • L’olio di palma non può essere sostituito con altri grassi per il suo sapore neutro (riposta della Mulino bianco ad una lettera di un consumatore).
    Falso. Anche l’olio di girasole, l’olio di arachide, l’olio di lino, l’olio di mais e l’olio di uva hanno sapori neutri. Anche l’olio di sansa di oliva può essere facilmente decolorato ed il suo sapore reso “neutro” da una semplice filtrazione con carbone attivo (prove fatte dall’autore in laboratorio). La Mulino bianco ha lanciato di recente due linee di biscotti senza olio di palma, a dimostrazione che quest’ultimo è perfettamente sostituibile con l’olio di girasole.
  • L’olio di palma non è  dannoso per la salute se assunto nell’ambito di una dieta bilanciata. Contiene il 49% di grassi saturi e il 51% di grassi insaturi.
    Mezza verità. La figura 1 mostra il tenore di grassi saturi dell’olio di palma e dell’olio di palmiste (il nocciolo del frutto della palma o endocarpo), comparati con quelli degli altri oli e grassi alimentari. In linea di massima, l’assunzione di grassi è sempre dannosa, in particolare per chi ha uno stile di vita sedentario, ma il danno è minore quanto maggiore è la proporzione di grassi insaturi.
    L’olio di palmiste, assieme all’olio di cocco, è il più dannoso in assoluto. L’olio di palma (s’intende quello ricavato dalla polpa, o mesocarpo del frutto dell’Elaea guineensis) è comprabile al burro ed è leggermente peggiore del lardo, dello strutto e del burro di cacao. Spesso però l’olio di palma commerciale prodotto negli oleifici indonesiani e malesi, include quello della polpa e quello del palmiste perché non vengono separati dopo la triturazione dell’intero frutto. La dicitura “olio di palma e palmiste” è  però raramente riportata nelle etichette, malgrado esista una differenza qualitativa evidente fra l’olio “integrale” e quello della sola polpa.
    L’olio di palma è  obiettivamente più dannoso degli oli di oliva, soia, uva, mais, girasole mandorle e colza, quindi andrebbero preferiti i prodotti a base di tutti questi ultimi.

 
Figura 1: tenore dei grassi saturi di diversi oli e grassi alimentari. Elaborazioni dell’autore sulla base di diverse fonti, tra le quali Fatty Acid and Lipid Chemistry, di Gunstone, F., 1996 e Wikipedia  
 
  • L’olio di palma ha una composizione che comprende sia acidi grassi saturi (47%) che insaturi (51%) e non contiene colesterolo (opuscolo della Mulino bianco).
    Verità strumentalizzata. Nessun olio, o grasso vegetale, contiene colesterolo di per sé: le sostanze grasse sono costituite da trigliceridi e acidi grassi liberi, mentre il colesterolo è un alcol policiclico alifatico. La pericolosità del colesterolo è data dalla sua capacità di legarsi a grassi e lipoproteine, formando poi depositi nelle arterie.
    I grassi con cui il colesterolo si lega più facilmente sono gli acidi miristico (componente per il 14 al 18% dell’olio di palmiste), laurico (componente per il 45 al 55% dell’olio di palmiste), palmitico (componente per il 39 al 45 % dell’olio di palma) e margarico (quasi inesistente sia nell’olio di palma che di palmiste; composizione chimica approssimativa ricavata dal sito.
    In poche parole: è vero che l’olio di palma non contiene colesterolo, ma i suoi costituenti principali sono fra i principali coadiuvanti della formazione di depositi nelle arterie.
  • Non bisogna boicottare l’olio di palma perché aumenteranno i prezzi alimentari (argomento che si legge in vari forum di discussione e blog).
    Falso. Se osserviamo le statistiche pubblicate dall’Associazione degli industriali dell’olio di palma sostenibile, solo il 29% delle importazioni in Italia sono impiegate nell’industria alimentare. L’utilizzo prevalente dell’olio di palma è per produrre energia elettrica, biodiesel, detersivi, saponi e prodotti cosmetici. Difficilmente aumenterebbero tutti i prezzi alimentari se l’olio di palma venisse sostituito con olio di oliva, girasole, soia, lino oppure con burro: gli eventuali aumenti riguarderebbero solo poche categorie di prodotti.

Figura 2: consumo di olio di palma per industrie. Elaborazioni dell’autore, incrociando i dati dell’Associazione olio di palma sostenibile, del Gse, della Fao e dell’Eni, relativi al 2014
 
Verità e menzogne sulla sostenibilità dell’olio di palma e sulla sua validità come biocarburante 
  • Boicottare l'olio di palma significherebbe spostare l'intera domanda globale (60 milioni di tonnellate) verso altri oli e dunque usare molta più terra per soddisfare tale domanda (Danielle Morley, European director of outreach & engagement, Rspo - Roundtable for sustainable palm oil, pubblicato sulla pagina.
    Falso. Almeno per quanto riguarda l’Italia. Se analizziamo la produzione italiana di oli vegetali e le importazioni di olio di palma (dati ufficiali Fao riportati nella figura 3-A) a partire dal 2005 l’aumento delle importazioni di quest’ultimo corrisponde quasi esattamente al calo di produzione olearia nazionale (tutti gli oli vegetali accorpati). Pertanto non è vero che dobbiamo importare olio di palma perché non abbiamo terra sufficiente per produrre l’olio necessario alla nostra industria. Semplicemente quest’ultima segue le leggi del mercato: compra l’olio più economico, o conveniente in un dato momento, perché prodotto in Paesi dove le aziende hanno meno pressione fiscale (o evadono più facilmente), inquinano impunemente e pagano stipendi irrisori comparati con quelli europei.
    A completamento della figura 3-A, includiamo anche nella figura 3-B riguardante l’andamento della superficie coltivata in Italia a scopo di produzione olearia (totale delle coltivazioni di oliva, soia, girasole e altre oleaginose). Si osserva come negli ultimi dieci anni la superficie coltivata totale oscilli fra i 1.400.000 ha ed i 1.500.000 ha.

Figura 3-A: dati ufficiali della produzione italiana degli oli vegetali (accorpati: oliva, soia, girasole, ecc.) comparati con le importazioni di olio di palma
(Fonte © Fao, elaborazioni dell’autore)

Figura 3-B: dati ufficiali della superficie totale coltivata in Italia per la produzione di oli vegetali (accorpati: oliva, soia, girasole, ecc.)
(Fonte © Fao, elaborazioni dell’autore)
 
  • L’energia prodotta con olio di palma è pulita perché si tratta di un bioliquido sostenibile (rapporto 2014 del Gse sulla produzione di energia rinnovabile).
    Vero. Ma solo perché definito piuttosto arbitrariamente dal D.Lgs. 31 marzo 2011, n.55, allegato V-bis (il quale adotta i medesimi criteri della Direttiva 2009/28/Ce). Applicando i coefficienti di emissioni di gas serra contenuti nell’allegato in questione, la combustione dell’olio di palma comporterebbe un risparmio netto di emissioni di CO2. La sostenibilità dei bioliquidi è materia ingarbugliatissima, come potrà verificare il lettore visitando la pagina del ministero dell’Ambiente.
    Come diceva Tacito: "Corruptissima re pubblica, plurimae leges". Pagando gli incentivi alle multinazionali per produrre "energia sostenibile per decreto", da semplici cittadini, le obiezioni che possiamo addurre alla suddetta metodologia sono le seguenti:
    • La metodologia più accreditata per la valutazione della sostenibilità di un processo è la Lca (Life cycle analysis), di gran lunga più completa della semplice analisi delle emissioni di CO2 adottata dal legislatore europeo.
    • L’allegato V-bis solo considera il bilancio di emissioni di gas climalteranti e “premia” l’utilizzo di terreni che al 2008 erano “incolti”. Dobbiamo dunque intendere che l’abbattimento di una foresta tropicale, in quanto “terreno incolto”, è premiato dal legislatore?
    • La produzione di olio di palma ha importanti impatti inquinanti sui corpi idrici nei Paesi produttori. Ogni tonnellata di frutti di palma genera circa 0,5 m3 di acque di vegetazione, le quali sono acide (pH=4,7) e molto cariche di materia organica (21.500 mg/l < COD < 30.500 mg/l). Nei Paesi produttori di olio di palma raramente vengono attuate misure per il trattamento delle acque. Il criterio di calcolo dell’impatto ambientale da parte del legislatore europeo sembra truffaldino o quantomeno superficiale: le emissioni di CO2 imputabili all’inquinamento idrico non  non sono state considerate.
    • Non è data una definizione di “biodiesel” nella norma. Esistono diversi modi per produrre biodiesel: per esterificazione acida, per transesterificazione alcalina, per combinazione dei due precedenti, per transesterificazione con cosolvente, o con enzimi, per idrogenazione (processo attuato dall’Eni nell’impianto Green refinery di Marghera). Tenuto conto dell’enorme differenza fra i diversi processi di produzione del biodiesel, la tabella A dell’allegato V-bis ci appare quanto meno pressapochista, perché considera le emissioni di CO2 corrispondenti alla coltivazione della specie vegetale dalla quale si ricava l’olio, ma non quelle del processo di produzione del biodiesel.
    • La tabella A dell’Allegato V-Bis , di cui riportiamo uno stralcio, indica le emissioni di CO2 dei vari oli. In termini di emissioni osserviamo che quello di palma non è affatto il migliore, essendo da preferire l’utilizzo di olio esausto e grassi animali di scarto. Inoltre sembra molto premiato un processo definito "biodiesel da olio di palma (processo con cattura di metano all'oleificio)" del quale non ci sono specifiche nel decreto in questione, né nella direttiva europea.
 
Stralcio della tabella A dell’Allegato V-bis del D.Lgs. 31 marzo 2011, n. 55
(*) Escluso l'olio animale prodotto a partire da sottoprodotti di origine animale classificati come materiali di categoria 3 in conformità del Regolamento (Ce) n.1774/2002 del Parlamento europeo e del Consiglio del 3 ottobre 2002, recante norme sanitarie relative ai sottoprodotti di origine animale non destinati al consumo umano
 
  • Si ritiene che l'olio di palma sia tra i prodotti di base più economici per la produzione di biodiesel di buona qualità (rapporto del Politecnico di Milano all’Autorità dell’energia).
    Vero a metà per i seguenti motivi:
    • Il biodiesel prodotto mediante la transesterificazione dell’olio di palma puro non raggiunge alcuni dei parametri di qualità richiesti dalla normativa europea, la quale è stata redatta in base alle caratteristiche del biodiesel prodotto con olio di colza. In particolare il parametro CFPP (cold filter plugging point, cioè la temperatura alla quale il biodiesel non riesce più a passare attraverso un filtro di 40 µm) è pari a -10ºC nel caso del biodiesel da colza, mentre i biodiesel da palma, o da strutto bovino (molto simili fra di loro) hanno un CFPP pari a 16ºC (fonte confermata da prove fatte dallo stesso autore). Ciò vuol dire che questi ultimi non possono essere utilizzati d’inverno, pena problemi al motore. L’autore  può confermare il dato avendo condotto un test durato due anni, circolando con un furgone diesel alimentato con miscele contenenti fino al 20% di biodiesel, autoprodotto a partire da oli e grassi esausti e miscele di oli di semi vari. D’inverno il biodiesel di palma formava un gel ed era impossibile versarlo nel serbatoio del veicolo, d’estate era comunque molto più viscoso degli altri biodiesel.
    • Secondo il rapporto suddetto, l’olio di palma costa sui 500 euro/ton. L’olio esausto da riciclaggio costa più o meno lo stesso (secondo il rapporto L'Italia del riciclo 2015. Capitolo 14 “Oli e grassi animali e vegetali  esausti”) ed è più sostenibile perché non sottrae risorse all’agricoltura. Secondo quest’ultimo rapporto esiste ancora margine per abbassare il prezzo dell’olio da riciclaggio: basterebbe eliminare alcune barriere burocratiche.
    • Il grasso animale di Categoria I  (estratto dalle carcasse di animali morti negli allevamenti, o durante il trasporto, mediante il processo detto rendering ) è molto simile all’olio di palma, ma costa ancora di meno: sui 300-400 euro/ton (dati di un produttore spagnolo). Orbene, l’emergenza “mucca pazza” è rientrata da anni,  la combustione di biodiesel da grasso animale di Categoria I non presenta alcun rischio di propagazione dei prioni, ed il suo impatto ambientale è esattamente uguale a quello di qualsiasi altro olio o grasso. Nonostante ciò, l’euroburocrazia pone ancora forti limitazioni all’impiego di sottoprodotti di Categoria I, ad esclusivo beneficio dei cementifici ed inceneritori di rifiuti, i quali sottraggono le corrispondenti emissioni di CO2 dai limiti imposti dal Protocollo di Kyoto e bruciano un combustibile, appunto il grasso da rendering, di qualità comparabile a quella del petrolio ma ad un prezzo molto più basso.
 
  • In Indonesia e Malesia, oltre 4,5 milioni di persone lavorano nella produzione di olio di palma. Fermare la produzione andrebbe a creare grossi problemi a questa gente e alle loro famiglie (pubblicato in inglese nel sito del Rspo).
    Forse vero. L'Rspo non cita le fonti statistiche ufficiali, ma è un’affermazione palesemente di parte. Ancora è presto per fare predizioni, ma non c’è dubbio che perderemo migliaia di posti di lavoro in Italia per le importazioni di olio di oliva tunisino esenti da dazi, decise dall’Ue e passivamente accettate dal governo Renzi. Considerando che le importazioni di olio tunisino in tutto il territorio Ue sono appena il 5,7 % delle importazioni italiane di olio di palma, è palese il danno che quest’ultimo sta creando all’agricoltura italiana. L’autore ha interpellato l’Istat, chiedendo i dati specifici sull’andamento dell’occupazione nel settore oleario italiano, senza aver ricevuto risposta a data odierna.
Conclusioni
Dall’analisi obiettiva, con dati alla mano, delle varie affermazioni a favore del concetto di “olio di palma sostenibile”, appare chiaro che si tratta di un tentativo di “green washing” delle grandi multinazionali per giustificare l’acquisto di una materia prima di infima qualità e a basso prezzo.

L’utilizzo principale dell’olio di palma in Italia è prevalentemente energetico: generazione elettrica in grosse centrali di cogenerazione industriale, seguita dalla produzione di biocarburanti per autotrazione. Tale domanda potrebbe perfettamente essere soddisfatta con grassi animali di recupero e oli vegetali esausti riciclati, riconosciuti come i bioliquidi più sostenibili dal D.Lgs. 31 marzo 2011, n.55,  ma la cui raccolta e commercializzazione sono ostacolate dalla burocrazia e dalle interpretazioni aberranti, proprie della nostra casta politica, del concetto giuridico di “rifiuto”.

Ricordiamo infine che il basso prezzo dell’olio di palma non è frutto della sua maggiore sostenibilità, bensì del fatto che in Indonesia e Malesia gli stipendi dei lavoratori agricoli sono irrisori, l’evasione fiscale dei grandi gruppi industriali è garantita da condoni fiscali da parte di politici compiacenti.

Intanto  e aziende italiane si vedono penalizzate da un fisco iniquo e da una burocrazia asfissiante. Per citare Cicerone: "Quousque tandem abutere, Catilina, patientia nostra?" Rimpiazzi il Lettore “Catilina” con il nome del politico o della multinazionale che preferisce: a distanza di oltre 2mila anni sono cambiate solo le tecnologie e i mezzi di propaganda, ma la natura del potere è rimasta invariata.

Riferimenti esterni per approfondimenti
  • Dati del Gse, rapporto 2014. Consumo di “bioliquidi sostenibili” a scopo di generazione elettrica incentivata nel 2014 = 953.585 ton, dei quali 735.558 ton (77%) olio di palma.
  • Importazioni di olio di palma per produzione di biodiesel nella Green refinery dell’Eni a Marghera = 144.000 ton.
  • Rapporto Greenpeace sull’impatto negativo  della coltivazione di palma da olio.
  • Denuncia di Greenpeace sull’inadeguatezza del sistema di certificazione del Rspo.
  • Lettera al segretario generale del Roundatble for sustainable palm oil, inviata da rappresentanti di grandi aziende, gruppi di ristorazione e di azione sociale.
  • Rapporto: L'Italia del Riciclo 2015. Capitolo 14  “Oli e grassi animali e vegetali  esausti”.

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 19 ottobre a 132.663 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy