Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Reflui zootecnici ed acqua, risorse per le smart farm

Gli allevatori possono far quadrare i conti attraverso una gestione innovativa dell'acqua e dei fluidi agrozootecnici: guarda le videointerviste

Tommaso Cinquemani di Tommaso Cinquemani

suini-paglia-by-sacha22-fotolia-750.jpeg

Gli allevamenti, in particolare quelli suinicoli, lavorano in perdita. Ma i fluidi zootecnici possono diventare una risorsa

Gli agricoltori e gli allevatori italiani hanno davanti a loro una sfida importante: riuscire a realizzare degli utili nonostante i prezzi bassi di carne e prodotti vegetali e le normative, come quella sui nitrati, che prevedono oneri aggiuntivi. Una risposta a questa sfida può arrivare dalla gestione intelligente dei reflui zootecnici e da un utilizzo accorto della risorsa acqua. Proprio di questo si è parlato all'evento "Smart farm: gestione innovativa dell'acqua e dei fluidi agrozootecnici", organizzata il 30 settembre da Acquafert, azienda che realizza impianti di irrigazione, all'interno del padiglione dell'Associazione mondiale degli agronomi, ad Expo 2015.

Ogni allevatore ha bene in mente le proteste che ci sono state il mese scorso a Bruxelles per denunciare un mercato che corrisponde agli imprenditori un prezzo al chilo che non copre i costi di produzione. Attualmente gli allevamenti zootecnici, in particolare quelli suinicoli, lavorano in perdita. Ai prezzi di mercato bassi si è aggiungono normative, come la direttiva nitrati, che impongono una gestione particolare dei fluidi zootecnici.

"Dobbiamo cambiare ottica e pensare ai liquami come ad una risorsa", spiega Alessandro Ragazzoni, professore dell'Università degli Studi di Bologna, che da anni cerca di "far quadrare i conti" delle imprese agricole. "Se hai un impianto a biogas i liquami diventano una fonte di reddito che permette all'azienda di produrre utili. Basti pensare che in Pianura Padana ogni anno si producono 150 milioni di tonnellate di effluenti zootecnici. Ogni tonnellata, in media, può produrre 40-50Kwh: pensiamo a quale sarebbe il potenziale energetico”.

I liquami producono biogas e quindi energia, che può essere riutilizzata in azienda o essere venduta attraverso gli incentivi delle tariffe onnicomprensive. Ma è lo stesso digestato (ciò che rimane dopo il processo anaerobico) a passare da scarto a risorsa, visto che può essere impiegato per la concimazione, anche con l'irrigazione a goccia.

Sia i liquami che il digestato, se accuratamente trattati, possono diventare una risorsa per l'imprenditore agricolo”, spiega Andrea Guidetti, di Acquafert. “I fluidi zootecnici sono separati in una frazione chiarificata e in una solida attraverso centrifughe e filtri, anche dell'ordine dei 50 micron. La parte liquida, ricca di nitrati, viene poi immessa nel sistema di irrigazione”.

Con la fertirrigazione organica i vantaggi sono molti. Prima di tutto economici, visto che non si devono acquistare concimi. Inoltre si rispettano le normative sullo smaltimento dei nitrati e si riutilizza una risorsa, l'acqua, sempre più preziosa.

Ma c'è irrigazione e irrigazione. Durante l'incontro sono stati esposti i risultati dell'irrigazione a goccia e della subirrigazione. “Abbiamo iniziato 50 anni fa con i pomodori, ma ora siamo in grado di coltivare anche mais e riso”, racconta Alberto Puggioni, di Netafim, azienda israeliana leader nell'irrigazione a goccia. “Con questo tipo di sistemi si abbattono i consumi di acqua e quelli energetici. Inoltre si ottengono piante più sane che producono frutti qualitativamente e quantitativamente migliori”.

Riciclo dei liquami, gassificazione e irrigazione a goccia vanno a braccetto. Certo, ciò che mancano sono gli investimenti. Ma anche su questo fronte qualcosa si muove visto che la nuova Pac ha un occhio di riguardo per tutti quei sistemi che aumentano l'efficienza delle produzioni facendo risparmiare risorse e diminuendo l'inquinamento.
 

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: allevamento biogas bioenergie irrigazione acqua expo 2015

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 21 settembre a 132.247 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy