Ovaiole in libertà

Si chiama FreeBirds ed è un progetto finalizzato allo studio delle opportunità e dei limiti dell'allevamento avicolo biologico e dell'accesso ad aree aperte. I risultati saranno al centro del webinar che si terrà il 24 giugno

gallina-ovaiola-ag.jpg

All’incontro, che si terrà via web, si parlerà dell’allevamento biologico delle ovaiole, con attenzione particolare alla gestione del parchetto esterno
Fonte foto: Angelo Gamberini - AgroNotizie

Salute, benessere animale e impatto ambientale delle produzioni avicole attuate seguendo il dettato del metodo biologico sono i tre grandi capitoli attorno ai quali ruota il progetto FreeBirds, già illustrato in passato da AgroNotizie.
Ora l'attenzione si concentra sulla gallina ovaiola allevata utilizzando parchetti esterni ad accesso libero e controllato, dove le ricerche hanno preso in esame gli elementi di maggiore criticità, come quello sanitario, conseguente alla possibile maggiore esposizione a patogeni e parassiti.
 

Le finalità

Sotto esame sono gli effetti su benessere degli animali, misurabile attraverso il loro comportamento e altri parametri oggettivi. Infine gli aspetti legati all'ambiente e connessi al rilascio di sostanza organica sul terreno.
Alle ricerche hanno partecipato importanti istituzioni del mondo scientifico, a iniziare dall'Università di Milano insieme alla Fondazione Crpa studi e ricerche (Fcsr), coinvolgendo anche organizzazioni del settore, e fra queste Zoobiodi (Associazione italiana di zootecnia biologica e biodinamica) e Unaitalia.
Va ricordato che l'iniziativa rientra nel progetto Era-net Core Organic Cofund, finanziato su fondi dell'Unione europea e, nel caso dell'Italia, dal Mipaaf.
 

Il convegno

La ricerca è giunta a conclusione e i dati che ne sono emersi sono pronti per essere divulgati. L'occasione sarà quella del webinar che si terrà giovedì 24 giugno alle 17.
Il programma dell'incontro prevede il saluto di apertura da parte di Rossella Pedicone di Unaitalia.
La presentazione del progetto e il tema del benessere animale sarà affrontato da Valentina Ferrante dell'Università di Milano.
Seguirà l'intervento di Guido Grilli, sempre dell'Università di Milano, che illustrerà le evidenze sul piano sanitario e in particolare sui parassiti e sulla salute intestinale.
A Paolo Mantovi della Fondazione Crpa, il compito di affrontare il tema dei nutrienti sul suolo. Seguirà un dibattito al termine del quale Monica Guarino Amato del Crea-Za traccerà le conclusioni dell'incontro.
Per partecipare è necessario registrarsi a questo indirizzo. In prossimità dell'evento sarà inviato ai partecipanti il link che consentirà di accedere all'incontro.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 262.563 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner