Vespa velutina in Lombardia, trovati vecchi nidi

I ritrovamenti, a circa un chilometro di distanza dal luogo della cattura dei calabroni dei giorni scorsi, indicherebbero che il calabrone asiatico fosse già presente dalla stagione scorsa

nido-velutina-pavia-by-stopvelutina-jpg.jpg

Il nido già individuato a dicembre, ma distrutto prima degli accertamenti
Fonte foto: StopVelutina

Due nidi di Vespa velutina, ormai abbandonati, sono stati ritrovati in Lombardia a circa un chilometro di distanza dall'apiario di San Damiano al Colle in provincia di Pavia, dove il 23 aprile 2021 sono stati catturati due esemplari adulti del calabrone asiatico.

A darne notizia è ancora la rete di StopVelutina, in un comunicato stampa, dopo i sopralluoghi effettuati in questi giorni nella zona, a seguito della cattura dei due esemplari adulti.

In realtà uno dei due nidi era stato avvistato già nel dicembre 2020, ma era stato distrutto prima che potessero essere fatti degli accertamenti.

I due nidi, risalenti alla scorsa stagione e ormai abbandonati, lasciano pensare che i due calabroni catturati nei giorni scorsi non siano arrivati da poco in zona, ma provengano da colonie già presenti sul territorio.

Il nido trovato in provincia di Pavia in questi giorni
Il secondo nido trovato in provincia di Pavia in questi giorni
(Fonte foto: StopVelutina)

Vespa velutina infatti, come tutti i calabroni, forma colonie stagionali che in autunno si disgregano, abbandonando il nido. E mentre le operaie vanno incontro alla morte con i primi freddi, le nuove regine, nate tra la tarda estate e l'autunno, si accoppiano e cercano un luogo dove passare l'inverno, per poi iniziare a ad andare in cerca di cibo e di un posto dove fondare una nuova colonia in primavera.

Nel primo anno di presenza su un territorio però, i calabroni possono essere in un numero non molto alto, rendendo più difficile la loro individuazione, come spiegano i tecnici di StopVelutina.

Per questo, come sottolineano da StopVelutina, diviene ancora più urgente la predisposizione di una rete di monitoraggio sul territorio che comprenda la provincia di Pavia, ma anche quella confinante di Piacenza.

Le due associazioni apistiche locali, l'Associazione provinciale apicoltori piacentini (Apap) e Apilombardia, hanno già attivato un sistema di monitoraggio e allertato i loro associati, ma StopVelutina invita tutti gli apicoltori, e anche tutti i cittadini, a osservare con attenzione la situazione e a segnalare la presenza di calabroni sospetti.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 260.330 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner