Psr Marche, il bando per la gestione sostenibile dei pascoli

A disposizione 130 euro a ettaro per il mantenimento delle superfici collegate all'allevamento e utilizzate per il pascolamento. Scadenza il 17 maggio 2021, all'interno il link al bando

pecore-pascolo-pascoli-ovini-gregge-by-dirk-fotolia-750.jpeg

Pascoli, nelle Marche aperto il bando per i contributi a superficie
Fonte foto: © Dirk - Fotolia

E' aperto nelle Marche il bando per fornire contributi per la gestione sostenibile dei prati e dei pascoli attivato sulla sottomisura 10.1 del Psr, con una disponibilità totale di 400mila euro.

L'obiettivo è quello di tutelare la biodiversità sia naturale che agraria legata alle praterie, promuovendo il mantenimento dell'ambiente, dell'acqua e del suolo nei pascoli e nei prati pascoli.

Il bando offre un contributo a superficie di 130 euro ad ettaro, per le superfici utilizzate per il pascolamento e collegate ad un allevamento di bovini, caprini, ovini o equidi.

Al bando possono partecipare come beneficiari gli agricoltori singoli e associati e le comunanze agrarie che conducano delle superfici a prato pascolo inserite nel loro fascicolo aziendale alla date del 15 maggio.

Per partecipare al bando è necessario avere anche un allevamento collegato ai prati o ai pascoli a cui sono rivolti i contributi con un carico di bestiame compreso tra 0,3 e 1,2 Uba ad ettaro.

Per il calcolo delle Uba il bando prevede:
  • bovini oltre i 2 anni di età e equidi oltre 6 mesi di età, 1 Uba a capo;
  • bovini da 6 mesi a 2 anni di età, 0,6 Uba a capo;
  • bovini fino a 6 mesi di età, 0,4 Uba a capo;
  • ovini e caprini, 0,15 Uba a capo.

Per fare domanda è necessario presentare un progetto aziendale firmato da un tecnico abilitato che deve riportare il piano di turnazione del pascolo.

Chi riceverà il contributo dovrà impegnarsi per almeno un anno a mantenere il carico di bestiame previsto dal bando, a rispettare il piano di pascolamento presentato, a rimuovere e distribuire in maniera uniforme le deiezioni sulle superfici, a eliminare le specie vegetali infestanti unicamente con tecniche meccaniche e a non far pascolare gli animali nelle zone considerate a rischio erosione.

Il contributo è cumulabile con altri contributi previsti da altre misure legate ai pagamenti agro climatico ambientali, al sostegno dell'agricoltura biologica, al benessere animale e ai pagamenti agro silvo pastorali, nei limiti indicati nel bando.

Le domande di contributo devono essere presentate ad Agea tramite il portale Sian entro il 17 maggio 2021.

Per maggiori informazioni e dettagli si rimanda alla pagina ufficiale e al testo completo del bando.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 260.566 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner