Meno stalle, più animali

E' la fotografia scattata dall'Associazione allevatori dell'Emilia Romagna sulle ripercussioni della crisi sanitaria sul settore zootecnico. Numeri positivi solo per gli avicoli

bovini-razza-romagnola-ag.jpg

Anche nel 2020 si è assistito a un calo del numero di allevamenti dei bovini di razza Romagnola
Fonte foto: Angelo Gamberini - AgroNotizie

E' trascorso più di un anno dall'inizio della crisi sanitaria e ci si interroga sulle conseguenze economiche che questa ha avuto nel comparto agroalimentare.
Per fare il punto sul comparto zootecnico, Araer (Associazione regionale allevatori dell'Emilia Romagna), ha recentemente organizzato un incontro per scattare una"fotografia" sull'andamento del comparto e per elaborare le prospettive per l'anno in corso.

Si è partiti dalle anticipazioni di Istat a livello nazionale, dalle quali emerge che il comparto agricolo ha registrato nel 2020 una flessione del 3,3% nel valore alla produzione, con un -6,1% sul valore aggiunto. Riguardo invece il settore zootecnico e i suoi prodotti trasformati, sempre a livello nazionale, le elaborazioni sulla base dei dati Istat disponibili parlano di circa un -6%.
Restringendo il perimetro all'Emilia Romagna, che in termini di Pil complessivo ha registrato -8,9% rispetto al -9,2% nazionale, l'elaborazione dei dati attualmente disponibili ha permesso di calcolare la Plv (produzione lorda vendibile) zootecnica del 2020 fissandola a circa 1.990 milioni di euro con una contrazione di circa lo 0,60% sul 2019.


Latte, meno allevamenti

Veniamo ora alle varie filiere produttive iniziando da quella lattiero-casearia che ha risentito significativamente degli effetti della pandemia, prima con il lockdown di marzo 2020 e poi con la conseguente chiusura del canale Horeca.
Al 31 dicembre si contavano 3.401 allevamenti, diminuiti del 2,47% sul 2019, e una consistenza pari a 487.586 capi, con un aumento dello 0,6% rispetto all'anno prima.
Circa il 92% del latte prodotto è destinato al Parmigiano Reggiano, il 6% al Grana Padano e il rimanente 2% ad altri produzioni casearie minori e a una minima quota di latte alimentare.
Se i quantitativi prodotti hanno registrato sul 2019 un incremento del 5,20%, i prezzi invece hanno dovuto incassare un -4,55%.
Questo però non ha impedito di vedere il segno più sulla Plv regionale, stimata a 1.077,27 milioni di euro, con un +0,41% rispetto al 2019.


Carne bovina in rosso

Più complicata la situazione nel comparto della carne bovina, anche se a consuntivo possiamo affermare che la filiera ha reagito bene alla pandemia con effetti meno pesanti di quelli che inizialmente erano stati paventati.
Nel 2020 le consistenze di bovini da carne in Emilia Romagna parlano di 2.341 allevamenti, in diminuzione dell'1,22% sul 2019; i capi allevati sono 84.546, con una riduzione dell'1,21%.

Anche la produzione di questa tipologia di prodotto ha dovuto incassare una flessione, calcolata nell'ordine del -1,25%.
Male i prezzi, a -3,01% rispetto al 2019 e la Plv regionale, stimata a 165,85 milioni di euro (-4,22% sul 2019).

Preoccupa fortemente la situazione della razza Romagnola, che anche nel 2020 ha visto ridursi ulteriormente il numero di allevamenti, oggi a quota 264 (-5,71 sul 2019 e addirittura -42% sul 2010) e i capi allevati, fermi a 9.012 unità (-3,44% rispetto al 2019 e -30% rispetto al 2010).
 

Più suini

Sul fronte del settore suinicolo, oltre che con le conseguenze della pandemia, il comparto ha dovuto fare i conti con l'emergenza legata alla Peste suina africana esplosa nel settembre dello scorso anno in Germania con diversi focolai.
Un'emergenza che fortunatamente non ha toccato gli allevamenti italiani, anche se le conseguenze del blocco delle importazioni di carne suina tedesca da parte di Cina, Giappone e Correa del Sud si è fatto sentire su tutti i Paesi europei grandi produttori di carne suina.

Nel 2020 gli allevamenti in attività sono stati 1.149 con una riduzione del 3,70% rispetto al 2019 e una consistenza di soggetti allevati pari a 1.118.948, in crescita del 2,61% sul 2019.
Riguardo la produzione va registrato un incremento del 2,59%, mentre i prezzi, soprattutto a causa della chiusura del canale Horeca, ha dovuto incassare un -12%. Male anche la Plv, stimata a 307,22 milioni di euro: -9,70 rispetto al 2019.

Infine uno sguardo agli allevamenti ovicaprini che hanno dovuto registrare una flessione e una consistenza di strutture pari a 1.608 con una riduzione dell'1,65% rispetto al 2019; analogamente cede terreno anche il numero di capi allevati, fermi a 62.822 soggetti, con una riduzione del 3,79% rispetto al 2019.
 

Salvi solo gli avicoli

È andata decisamente meglio al comparto avicunicolo e delle uova, quest'ultimo da anni in grado di soddisfare il fabbisogno nazionale e nel 2020 addirittura in crescita in termini produttivi con un +14,35% rispetto al 2019. Bene anche i prezzi: +0,85% e la Plv stimata, che ha toccato 259,60 milioni di euro: +14,32 rispetto al 2019.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 260.591 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner