Biologico e zootecnia, se ne è parlato a Biolife

Il bio convince il consumatore e la domanda non manca, ciò che preoccupa è la possibilità che in futuro l'offerta di prodotto non riesca a soddisfare la richiesta

Barbara Righini di Barbara Righini

bovini-da-latte-vacche-by-shmel-adobe-stock-750x305.jpeg

Per promuovere il biologico sarà a breve aperto un bando da 4 milioni per la ricerca
Fonte foto: © Shmel - Adobe Stock

Corre il bio, anche nel settore lattiero caseario: il punto è stato fatto a Biolife, fiera di riferimento per il settore in Trentino Alto Adige, l'evento si è tenuto a Bolzano. A mettere a confronto i propri numeri e le prospettive di sviluppo, durante il convegno 'Il futuro dell'economia lattiera biologica', sono stati tre paesi: Germania, Austria e Italia.

In Italia le aziende agricole biologiche, con comparto zootecnico, sono circa 10mila, il 15% del totale della aziende agricole biologiche. Gli operatori sono invece circa 80mila. In particolare l'attività zootecnica bio si concentra in Sicilia, Sardegna, Calabria, Lazio, Emilia Romagna e Toscana, queste sei regioni rappresentano, da sole, il 60% del comparto. Che il biologico tiri lo dimostra anche la crescita dei preparatori lattiero caseari che sono aumentati del 200% dal 2010 al 2018, mentre i capi bovini biologici sono 375.414, l'81% in più rispetto al 2010. In particolare i bovini da latte sono poco più di 80.500, con un aumento dell'88%. Per i caprini (110.055 capi, nel 2018), la crescita, in otto anni, è stata del 50%.

Il bio convince il consumatore e la domanda non manca, ciò che preoccupa invece è la possibilità che, in tutti i comparti, non solo in quello zootecnico, l'offerta di prodotto bio non riesca a soddisfare in futuro la richiesta. "Se la domanda continua a crescere - ha detto Roberta Cafiero, dirigente Pqai 1, Agricoltura biologica e sistemi di qualità alimentare del Mipaaf, durante il convegno - ci sarà un progressivo aumento delle importazioni da paesi terzi da parte dei preparatori. Anche la grande distribuzione preferisce, a volte, acquistare da terzi per poi rivendere".

Ecco una delle motivazioni per le quali, nel disegno di legge sul biologico, in discussione da circa un anno, è inserita la proposta di un marchio bio italiano. "Il consumatore non legge l'etichetta, compra senza controllare e spesso non solo non è prodotto italiano ma non è neanche Ue", ha detto ancora Roberta Cafiero.

Per promuovere il biologico, oltre ai finanziamenti per le mense scolastiche biologiche, sarà a breve aperto un bando da 4 milioni per la ricerca: "Vorremmo ampia partecipazione" ha concluso Roberta Cafiero. "Il bando comprenderà la collaborazione fra università e aziende agricole perché non abbiamo bisogno di ricerca teorica ma di ricerca che possa essere immediatamente applicata. Fra le tematiche ci saranno la valorizzazione dell'approccio agro-ecologico e la tutela del benessere animale e l'individuazione di razze resistenti alle malattie".

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: biologico latte bovini zootecnia

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.777 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner