Anche la transizione può essere di precisione

Con una gestione "intelligente" delle bovine in pre e post parto, crolla l'incidenza delle malattie metaboliche a tutto vantaggio di produzioni, fertilità e remuneratività aziendale. È questo l'obiettivo del progetto Transizione 4.0 di cui si è parlato a Cremona in occasione del "Transition Day 2018"

Allevatori Top di Allevatori Top

Info aziende
bovini-in-primo-piano-supplemento-dic-2018-allevatori-top.jpg

Soluzioni 'intelligenti' per una corretta gestione della transizione

Le tre settimane che precedono il parto e le tre settimane successive alla nascita del vitello costituiscono il momento clou del ciclo produttivo della vacca da latte. Il motore di una stalla, si potrebbe dire. Se, infatti, attraverso una corretta gestione del pre parto l'allevatore riesce a prevenire efficacemente le malattie tipiche del post parto (ritenzione placentare, ipocalcemia, chetosi, dislocazioni abomasali e metriti), il ritorno economico è elevato: da un lato diminuiscono i costi terapeutici e il consumo di farmaci, e dall'altro aumenta la produzione al picco, migliorano i tassi di concepimento, si riducono i casi di riforma e aumenta la quota di rimonta volontaria.

Scarica la rivista Allevatori Top

È quanto hanno recentemente sottolineato a Cremona, in occasione del primo "Transition Day" - evento sponsorizzato anche da Allflex, Alta Genetics e Ferraroni Mangimi - gli allevatori che hanno già applicato la Transizione 4.0. Si tratta del progetto sviluppato da Granda Team che offre agli allevatori soluzioni "intelligenti" per una corretta gestione della transizione.

In particolare gli specialisti Granda Team lavorano al fianco degli allevatori e insieme ai tecnici professionisti di campo, forti di un solido know how in ambito clinico, diagnostico e nutrizionale, per fare in modo che le bovine in transizione siano allevate in ambienti altamente confortevoli e vengano adeguatamente seguite per ciò che riguarda lo stato di salute, la condizione corporea, i livelli di ingestione pre e post parto e gli apporti nutrizionali (ambito in cui Granda Team pone particolare rilievo ai livelli di proteine e minerali contenuti negli alimenti utilizzati in fase di close-up).

Con la soluzione Sense Hub™ - Transizione 4.0™ i prodotti e i servizi proposti da Granda Team vanno ad integrarsi con la tecnologia SenseHub™ di Allflex
Con la soluzione Sense Hub - Transizione 4.0 i prodotti e i servizi proposti da Granda Team vanno ad integrarsi con la tecnologia SenseHub di Allflex 


Supporto tecnologico

I prodotti e i servizi proposti da Granda Team possono andare proficuamente ad integrarsi con la tecnologia SenseHub di Allflex, ovvero con gli accelerometri "di ultima generazione" che eseguono il monitoraggio della ruminazione, dell'ingestione e dell'attività respiratoria. Ecco perché è stata realizzata la soluzione SenseHub - Transizione 4.0 con la quale diventa possibile focalizzarsi sia in prevenzione sul gruppo di pre parto, che sugli animali bisognosi di cure, e offrire loro interventi mirati e tempestivi volti a ripristinare rapidamente il loro stato di salute. Con efficienza e precisione.

Nel suo intervento al Transition Day, Renato Di Fonzo di Cirio Agricola ha illustrato i risultati ottenuti con la soluzione Sense Hub™ - Transizione 4.0™
Nel suo intervento al Transition Day, Renato Di Fonzo di Cirio Agricola ha illustrato i risultati ottenuti con la soluzione SenseHub - Transizione 4.0


Addio polverine magiche

E da quanto è emerso a Cremona gli effetti di questo approccio alla transizione sono significativi.
È ad esempio il caso della Lembo Farm di Rocca de' Baldi (360 vacche in mungitura), dove nell'arco di un anno il metodo di lavoro e le soluzioni portate dal Granda Team hanno quasi azzerato i casi di chetosi, dimezzato quelli di ipocalcemia, ridotto le metriti con un dimezzamento dei costi terapeutici e un incremento di 2,2 litri di latte per vacca in quarta settimana.

Analoghi risultati anche alla Fattoria San Rocco dei fratelli Filippini di Sant'Agata Bolognese (520-530 vacche in lattazione), dove per altro i tassi di concepimento alla prima fecondazione sono ulteriormente migliorati (da 37% al 41%), e nell'azienda agricola Remigio di San Martino Buonalbergo (155 vacche in lattazione), dove il passaggio alla Transizione 4.0 ha significativamente ridotto l'incidenza di tutte le dismetabolie tipiche del post parto e ha portato a +4 litri per vacca in quarta settimana.

Non meno eclatanti i risultati ottenuti laddove la "cura" Granda Team si è integrata con il supporto tecnologico fornito da Allflex con la soluzione SenseHub - Transizione 4.0. È il caso di due aziende top come Cirio Agricola (1.750 vacche in mungitura) e Maccarese Spa (1.300 vacche in lattazione); qui la sinergia tra le soluzioni del Granda Team e l'applicazione dei collari SenseHub ha portato salute e benessere animale, qualità del lavoro e profitto. Che sono i veri plus della zootecnia di precisione.

Scarica la rivista Allevatori Top
 
a cura della redazione

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Allevatori Top

Autore:

Tag: allevamento latte bovini tecnologia salute animale zootecnia zootecnia di precisione

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 185.313 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner