Il mercato premia la suinicoltura

Continua la crescita dei prezzi dei suini e la redditività degli allevamenti misurata dall'indice Crefis segna ulteriori progressi

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

suinibanconote-ag.jpg

Quotazioni in aumento per i suini pesanti e per i suinetti da allevamento
Fonte foto: @ Angelo Gamberini - AgroNotizie

Dopo marzo anche aprile si rivela favorevole all'allevamento suinicolo nazionale. L'indice di redditività messo a punto dal Crefis, il Centro di ricerche economiche dell'Università Cattolica di Piacenza diretto da Gabriele Canali, segna +5,2% su base congiunturale, ma soprattutto +23,3% rispetto ad aprile 2016.
 

Prezzi in aumento

È il mercato che spinge in alto la remuneratività della suinicoltura. Ad aprile sono stati infatti registrati in forte aumento i prezzi dei suini pesanti da macello che sul mercato di Modena hanno raggiunto la quotazione di 1,661 euro/kg. Si tratta di prezzi più elevati del 5,3% rispetto a marzo e del 35,8% rispetto ad aprile dell'anno scorso.

E salgono, sempre ad aprile, anche le quotazioni dei suini da allevamento che raggiungono i valori medi mensili più elevati da quando vengono rilevati i prezzi. Alla Cun, i suinetti di 30 Kg di peso sono stati scambiati a 3,719 euro/kg, +4,6% rispetto a marzo e +27,7% su base tendenziale.
 

Migliorano i macelli

Anche per la fase di macellazione il momento è favorevole: ad aprile, e rispetto a marzo, la redditività è nuovamente salita (+3,5%). A influire positivamente è stato soprattutto il mercato dei lombi taglio Modena, che sono stati scambiati a 3,688 euro/Kg (mercato di Modena), ovvero +31,2% rispetto a marzo; da notare però che la variazione tendenziale è negativa: -5,4%.

Per quanto riguarda le cosce fresche, ad aprile e rispetto a marzo si registra una sostanziale stabilità relativamente ai prezzi del prodotto pesante per crudo tipico (5,200 euro/Kg, Cun); mentre la variazione tendenziale è molto positiva: +21,9%.

Calano invece le quotazioni delle cosce fresche pesanti destinate a produzioni non tipiche (-1,5%), ma anche in questo caso i valori risultano molto più elevati rispetto ad aprile 2016 (+21,4%).
 

La rivincita dei prosciutti Dop

Ad aprile è aumentato ancora il differenziale di redditività tra prosciutti Dop e prosciutti generici. L’indice Crefis della stagionatura del prosciutto di Parma pesante è infatti risultato del 37% più elevato rispetto a quello delle produzioni non tipiche.

E questo nonostante ad aprile la redditività dei prosciutti tutelati sia rimasta invariata rispetto a marzo. D'altro canto, nello stesso mese, la remuneratività della stagionatura dei prosciutti pesanti non tutelati si è contratta dell'1,9%. Su base tendenziale, ad aprile l'indice Crefis di redditività è risultato in aumento per il Parma Dop pesante (+5,8%) e in diminuzione per i prosciutti generici (-2,5%).

Passando al mercato, rimane stabile ad aprile il prezzo del prosciutto di Parma pesante stagionato (10,350 euro/Kg), mentre la variazioni tendenziale è stata pari a +16,3%. Resta invariato a 13,200 euro/kg il prezzo del prosciutto di San Daniele, che rispetto allo stesso periodo del 2016 fa segnare un +11,4%.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 232.477 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner