Terremoto, una rete di solidarietà per gli allevamenti umbri

Cia e altre organizzazioni agricole coordinano un sistema di aiuti per reperire e consegnare direttamente fieno e cereali agli allevamenti colpiti

Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

allevamento-bovini-vacche-mucche-by-romankorytov-fotolia-750.jpeg

E' possibile donare foraggi agli allevamenti umbri colpiti dal sisma
Fonte foto: © romankorytov - Fotolia

Come sempre in Italia, il terremoto non ha mosso solo la terra, ma anche la generosità, la cooperazione e l'impegno per aiutare chi è stato colpito a andare avanti.

E anche il settore agricolo si è mosso per portare aiuti concreti alle aziende colpite. In particolare a quelle zootecniche.

È stata così organizzata una rete di solidarietà fra allevatori e agricoltori, coordinata dalla Cia e altre organizzazioni agricole, che prevede la possibilità di consegnare direttamente fieno, farine o cereali per l’alimentazione animale agli allevamenti colpiti dal sisma che ne avessero bisogno.

Le strutture, ma anche le abitazioni – spiega Raffaele Capponi, tecnico Cia impegnato nelle stime dei danni a Norcia – hanno complessivamente retto. Se si considera la violenza di questo terremoto, possiamo dire che la quasi totalità delle strutture, seppur danneggiate, ha retto al crollo; grazie alle misure antisismiche apportate dopo gli eventi sismici del 1979 e del 1997”.

Se in alcune zone, come ad esempio a Castelluccio, non sono andate distrutte le stalle perché già costruite in legno e con tecniche antisismiche, la situazione resta critica sia per gli allevatori che per i loro animali.

Chiunque voglia attivarsi per fornire foraggi e mangimi può rivolgeresi ai numeri 075.5002953 e 335.1251250.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 203.635 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner