Il coniglio all'Omega 3 si sposa con Alimentinsalute

Il progetto di filiera controllata messo a punto dalla Regione Veneto apre le porte alle carni di coniglio ad alto contenuto di nutrienti salutistici

Angelo Gamberini di Angelo Gamberini

Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

cuni.jpg

Il logo che accompagna le carni di coniglio ad alto tenore in Omega 3

Si chiama “Alimentinsalute” ed è un’iniziativa realizzata dalla Regione Veneto per offrire al consumatore un’informazione chiara e trasparente sui cibi che porta in tavola. Ma c’è di più. Per i prodotti alimentari che rientrano nel paniere di “Alimentinsalute” ai normali controlli di filiera si aggiungono le verifiche della Regione. A questo fine è stato messo a punto un sistema integrato di controlli ed è stata istituita un’unità regionale per la sicurezza alimentare cui è affidato il compito di monitorare le diverse filiere produttive che fanno parte del progetto.

 

Arrivano i conigli

E’ di questi giorni l’ingresso in “Alimentinsalute” delle carni di coniglio, che vedono nel Veneto una forte concentrazione di allevamenti cunicoli a carattere professionale, dai quali esce il 40% di tutta la produzione italiana. Per Igino Andrighetto, direttore generale dell’Istituto Zooprofilattico delle Venezie, la carne di coniglio riassume in sé un forte legame con il territorio, con la tradizione veneta e con uno stile alimentare sano ed equilibrato. Le carni di coniglio che ricevono l’attestazione di sistema “Alimentinsalute”, già presente nelle catene distributive e riconoscibile dal bollino blu che accompagna le confezioni, hanno però una “marcia” in più rispetto alle pur ottime carni di coniglio “normali”. Grazie al lavoro svolto dall’associazione Coniglio Veneto e da Cargill Animal Nutrition è stata messa a punto una dieta degli animali, basata esclusivamente su prodotti vegetali naturali, capace di aumentare in misura significativa il contenuto in Omega 3 delle carni di coniglio.

 

Omega 3 e salute

I vantaggi sotto il profilo nutritivo e salutistico sono molti. Da tempo le ricerche hanno dimostrato che gli acidi grassi a lunga catena Omega 3 svolgono funzioni fisiologiche importanti, favorendo l'aumento delle difese immunitarie, riducendo il colesterolo e diminuendo il rischio cardiovascolare. Ma l’elenco delle azioni benefiche degli Omega 3 proseguono con la terapia degli eczemi, il miglioramento delle capacità cerebrali, la riduzione delle turbe depressive e via elencando. Non a caso i medici sono tutti concordi nel  raccomandare un’alimentazione ricca in Omega 3, acidi grassi che sino a ieri si trovavano in misura maggiore solo nei pesci. E che oggi si trovano anche nei conigli che escono dal processo di filiera messo a punto per “Alimentinsalute”. Le analisi di laboratorio hanno dimostrato che in questi conigli l’aumento in Omega 3 è nell’ordine del 300%. Come ha ricordato Stefano Bison, presidente dell’Associazione Coniglio Veneto, con il coniglio agli Omega 3 gli allevatori si sono impegnati per dare qualcosa in più ai consumatori oltre ad una carne già di per sé nutriente e gustosa oltre che, ovviamente, salubre e sicura.

 

I protagonisti

Al momento la filiera vede come protagonisti tre allevamenti professionali, due macelli e il mangimificio Cargill di Spessa. Le carni così ottenute sono commercializzate esclusivamente attraverso le strutture distributive che aderiscono al progetto “Alimentinsalute”. Una filiera che risponde dunque ai criteri di trasparenza e tracciabilità che ispirano questo progetto, che gli allevatori si augurano possa essere una molla per aumentare il consumo delle carni di coniglio. Un aumento dei consumi, oggi intorno ai 4 kg pro-capite, aiuterebbe a sostenere i prezzi di mercato all’origine, altrimenti altalenante e spesso preda di profonde crisi. Anche in questi giorni gli allevatori guardano con preoccupazione l’andamento delle principali piazze di contrattazione, Verona e Forlì, dove il prezzo è sceso sotto quota due euro. Vedremo se gli Omega 3 fanno bene, oltre alla salute, anche al mercato.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 271.096 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner