Toscana, la scadenza per la comunicazione dei siti di produzione delle sementi

Entro il 31 maggio 2021 gli operatori professionali toscani devono comunicare al Servizio fitosanitario l'ubicazione delle coltivazioni da seme. All'interno il link con la modulistica

fagioli-semi-by-andrew-butko-wikipedia-jpg.jpg

Sementi, in Toscana entro il 31 maggio è necessario comunicare i siti di produzione
Fonte foto: Andrew Butko - Wikipedia

Si avvicina la scadenza per la comunicazione dei siti di produzione per le aziende che coltivano piante per la produzione di sementi in Toscana.

Tutte le aziende che sono registrate come operatori professionali sul Ruop e che fanno produzioni sementiere devono infatti comunicare al Servizio fitosanitario regionale di riferimento dove sono collocati i campi in cui vengono coltivate le piante per la produzione delle sementi.

L'obbligo della comunicazione è previsto dall'articolo 66 del regolamento Ue 2016/2031, il regolamento su cui dall'anno scorso si basa la politica fitosanitaria dell'Unione europea.

La comunicazione dei siti di coltivazione è obbligatoria per le colture che devono essere accompagnate dal passaporto o dal passaporto per le zone protette (passaporto Pz) o che sono destinate all'esportazione.

Per gli operatori professionali della Toscana la comunicazione deve essere fatta entro il 31 maggio 2021 utilizzando l'apposito modulo e inviandolo poi tramite posta elettronica all'indirizzo: lorenzo.neri@regione.toscana.it.

Gli operatori devono comunicare anche l'ubicazione di eventuali coltivazioni in altre regioni che sono gestite da loro; sarà poi cura dei tecnici del Servizio fitosanitario della Toscana prendere i contatti con i colleghi delle regioni interessate.

Per maggiori informazioni si rimanda anche alla pagina ufficiale del Servizio fitosanitario regionale della Toscana dedicata a questa comunicazione.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 261.650 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner