Mercato delle mele: gli aggiornamenti di marzo 2021

Buoni risultati di vendita in particolare per la Golden Delicious e la Gala e buone performance anche per la Red Delicious

mele-mela-cesto-by-johanna-muhlbauer-fotolia-750.jpeg

Vendite fluide e regolari per il prodotto biologico, la cui disponibilità è confermata fino all'inizio dell'estate (Foto di archivio)
Fonte foto: © Johanna Mühlbauer - Fotolia

Le vendite di marzo, a 224.111 tonnellate, sono state certamente buone, superiori a quelle dello stesso mese dello scorso anno, in pieno lockdown. Le giacenze al primo di aprile scorso ammontavano a 607.116 tonnellate., inferiori dell'8% alla media delle cinque stagioni precedenti. Buoni risultati di vendita in particolare per la Golden Delicious, con giacenza scesa a 280.828 tonnellate, la più bassa registrata negli ultimi anni, e la Gala, la cui disponibilità terminerà proprio in questo mese, come inizialmente previsto. Buone performance anche per la Red Delicious, dopo l'andamento incerto degli scorsi mesi, con vendite nel mese di marzo superiori a 30.500 tonnellate.

Tutto ciò è emerso lo scorso 13 marzo nel corso degli incontri del Comitato marketing e del Gruppo bio di Assomela. L'occasione è stata utile anche per scambiare le prime impressioni sulle conseguenze dell'ondata di gelo che ha recentemente colpito molti areali produttivi in Italia e in Europa.
 


Come sta il bio?

Vendite fluide e regolari per il prodotto biologico, la cui disponibilità è confermata fino all'inizio dell'estate.

Al Gruppo bio è stato anche presentato il Piano di azione per lo sviluppo della produzione biologica, pubblicato dalla Commissione Ue. Sulla scia di quanto stabilito nella strategia Farm to fork, il piano definisce più nel dettaglio gli strumenti che la Commissione intende utilizzare per lo sviluppo dell'offerta e della domanda di prodotto biologico nell'Unione europea.


L'impatto delle gelate

Per quanto riguarda l'impatto delle gelate di qualche settimana fa, tutti gli operatori sono concordi nel ritenere che al momento, per le mele, è prematuro fare delle stime dei danni, quantitativi e qualitativi, provocati dall'ondata di temperature particolarmente basse che hanno colpito praticamente tutti gli areali produttivi. Bisognerà attendere ancora qualche settimana per valutarne l'impatto, sia qualitativo che quantitativo, considerando altri possibili momenti di freddo.

Al momento, in Europa, conseguenze particolarmente negative sembrano essersi registrate in Francia e in alcune zone della Germania e dell'Austria. Anche in questo caso, per valutazioni puntuali occorrerà aspettare qualche settimana. Ad una prima impressione appare ragionevole limitarsi ad una prima ipotesi di produzione europea 2021 non particolarmente abbondante per le mele.

Allo stato attuale, l'andamento del mercato, le prospettive produttive per la prossima stagione, la minore disponibilità di frutta estiva - colpita duramente dalle gelate visto lo stadio fenologico avanzato - potrebbero sostenere le vendite nel prossimo periodo.

Gli incontri sono stati utili anche per confrontarsi su altri temi, tra cui la risposta fornita dal comparto alla consultazione sulla direttiva Ue sull'uso sostenibile degli agrofarmaci, il rinnovo delle autorizzazioni per alcune sostanze attive ritenute fondamentali per la produzione integrata sul melo, lo sviluppo di ulteriori studi per misurare l'impronta carbonica della produzione e della distribuzione della mela italiana, il rischio del diffondersi di add-on Global Gap specificatamente chiesti da singole insegne della distribuzione, che potrebbero rappresentare per gli operatori solo un ulteriore impegno economico senza apportare alcun valore aggiunto.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 260.330 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner