Legumi, una serie di seminari per fare rete

L'Università di Pisa, insieme alla Scuola Sant'Anna e l'Università di Bologna, lancia otto webinar per illustrare i risultati di due progetti di ricerca europei e cercare di creare una rete tra ricercatori, agricoltori e commercianti per valorizzare le leguminose

legumi-fiore-mano-by-daniele-antichi-universita-pisa-jpg.jpg

Leguminose, partiti una serie di webinar per approfondirne le potenzialità
Fonte foto: Daniele Antichi - Università di Pisa

Si chiama "Legumi in transizione" (Legumes in transition) ed è un programma di otto seminari online per illustrare i risultati di due progetti di ricerca europei, Legvalue e True sullo sviluppo e le potenzialità dei legumi a livello agricolo, ecologico e economico.

A proporre questi seminari, tenuti da esperti di tutta Europa, sono l'Università di Pisa e la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, insieme all'Università di Bologna.

I legumi mostrano margini di sviluppo molto promettenti, sia per gli agricoltori che vogliono produrre utilizzando una rotazione sostenibile, che per i consumatori, costituendo un alimento versatile ad alto contenuto proteico, con molti benefici per la salute.

I legumi possono adattarsi perfettamente agli ecoschemi, i nuovi strumenti attualmente in fase di definizione nell'ambito della futura Pac su cui si baserà la concessione dei contributi agricoli della prossima politica comune europea.

Quindi questo è il momento opportuno per raddoppiare gli sforzi nella condivisione delle informazioni e nella comprensione dei temi trattati dai progetti di ricerca, come Legvalue e True, che si sono focalizzati specificatamente sul tema delle leguminose.

Ma oltre a mostrare dei risultati di ricerca i seminari vogliono anche proporre un network, una rete di collaborazione aperta a tutti gli attori del settore, come agricoltori, tecnici, trasformatori, ricercatori, commercianti che siano interessati a sviluppare anche economicamente le filiere dei legumi. Una rete che è già stata impostata, che si chiama Legume innovation network, con una sua pagina internet attiva.

Il calendario dei seminari prevede questi otto eventi:
  • Approfondimento sul potenziale dei legumi e sul "Legume innovation network" che si è tenuto il 14 aprile scorso. Ha presentato il progetto e le potenzialità dei legumi a livello internazionale sia per quanto riguarda l'aspetto agroambientale che quello economico;
  • La produzione dei legumi: aspetti agronomici, che si terrà il 20 aprile 2021 alle ore 10.00 e sarà incentrato sulle attitudini, le attività e gli approcci degli agricoltori che coltivano legumi a livello di azienda agricola;
  • Le filiere basate sui legumi, dall'azienda al mercato, in programma il 22 aprile 2021 alle ore 10.00 ed illustrerà quale è l'organizzazione dei mercati, quale sia il valore aggiunto dei legumi e la trasparenza che c'è dietro la creazione dei prezzi e delle dinamiche di mercato;
  • La diversità e l'utilizzo dei legumi, che si terrà il 27 aprile alle 10.00, parlerà del ruolo dei legumi nella transizione agroecologica in Europa;
  • Superare i limiti con il miglioramento genetico dei legumi, il 29 aprile, sempre alle ore 10.00 che affronterà il tema degli obiettivi del miglioramento genetico dei legumi, le problematiche attuali e gli sviluppi futuri;
  • Scienza, innovazione e potenziamento dei legumi, in calendario il 4 maggio, alle 10.00 che affronterà il tema di come la scienza lavori per fornire soluzioni per gli tutti i soggetti coinvolti nella filiera dei legumi per incrementarne la produzione e l'uso;
  • Il ruolo della politica nella transizione verso una maggiore produzione ed un maggior consumo di legumi in Europa, che si terrà il 6 maggio alle 10.00, presenterà dei casi studio dei progetti europei True e Legvalue in materia di iniziative politicamente rilevanti;
  • Tavola rotonda: potenziare insieme il Legume innovation network, in programma l'11 maggio alle 10.00 per concludere con  una sintesi dei messaggi chiave per gli agricoltori, i mercati e gli utilizzatori finali, lungo tutta la filiera.
Tutti i seminari sono in inglese, ma nessun problema: se non conoscete bene la lingua, ne avete perso qualcuno o non lo potete seguire, saranno disponibili a richiesta le registrazioni e le traduzioni. Per partecipare in ogni caso è necessario registrarsi a questo link.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 264.505 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner