Melo, a San Michele all'Adige occhi puntati sui portinnesti

Cinquanta esperti da tutto il mondo si sono incontrati all'evento internazionale Geneva© Field Day, organizzato dalla European fruit tree rootstocks in collaborazione con la Fondazione Edmund Mach, per confrontarsi sulle alternative a M9

visita-del-maso-fem-portinnesti-2019-fonte-fem1.jpg

Visita agli impianti di melo presso l'Azienda di Maso delle Part

Sono stati più di 50 gli esperti che hanno partecipato all’incontro, ospitato dalla Fondazione Edmund Mach, sul tema portinnesti del melo.
Tra loro tecnici e vivaisti locali e nazionali ma anche ricercatori anche di Olanda, Spagna e Francia.

In collaborazione con la Fem, l’incontro "Geneva© Field Day" è stato organizzato dalla European fruit tree rootstocks, un'associazione che annovera tra i partner anche il Consorzio italiano vivaisti, nata da vivaisti che collaborano con la Cornell University e il Dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti d'America per la diffusione dei portinnesti di melo sviluppati dal progetto congiunto dei due enti americani, noti come portinnesti Geneva's.

Il gruppo European fruit tree rootstocks ha come obiettivo l'introduzione dei nuovi portinnesti in Europa e si avvale della sperimentazione e della collaborazione con centri di ricerca come Fem e Laimburg, svolge inoltre attività di certificazione e preparazione di piante madri, e la diffusione commerciale attraverso licenze di diritti di propagazione.

Eftr promuove iniziative di divulgazione come quella che si è svolta in Fem, organizzata dal Centro trasferimento tecnologico. Dal 2011 la Fem sta testando dodici genotipi Geneva©. Le prove sperimentali hanno come obiettivo primario di verificare la resistenza a fattori biotici e abiotici. Inoltre i portinnesti, innestati su diverse varietà, sono allevati con vari sistemi d'impianto per valutare la performance produttiva e qualitativa in impianti intensivi.

Le prove fanno parte di progetti e collaborazioni con istituti nazionali e internazionali. I risultati ottenuti fino ad oggi sono incoraggianti e dimostrano che esistono valide alternative a M9, tuttora quello dominante nella moderna frutticoltura intensiva, ma che sta dimostrando i suoi limiti soprattutto per alcune problematiche emergenti di natura patologica e naturale.
Attualmente sono testati cinquanta genotipi provenienti da diversi programmi di miglioramento genetico. Nell’attuazione dei progetti di ricerca è fondamentale la collaborazione con vivaisti, associazioni dei produttori, istituti di ricerca e università nazionali e internazionali.

L'incontro è proseguito con la visita agli impianti di melo presso l'Azienda di Maso delle Part dove, dal 2008, le attività di sperimentazione proseguono interrotte per individuare testare valide alternative ai portinnesti attualmente in uso.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 196.367 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner