Pomodoro da industria 2018, il trasformato a -11,5% sul 2017

Lo ha reso noto ieri l'Anicav, che sottolinea come il dato italiano si inscriva in un contesto di calo della produzione mondiale (-10%) ed europea (-15%). Si riducono ulteriormente i margini per l'industria conserviera italiana

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

il-pomodoro-si-mette-in-mostra-anicav-20161202.jpg

Nel bacino del Centro Sud il trasformato si ferma a 2,20 milioni di tonnellate, in quello del Nord a 2,45 milioni
Fonte foto: © Anicav

La campagna di trasformazione 2018 del pomodoro in Italia si è chiusa con una produzione di 4,65 milioni di tonnellate di pomodoro trasformato - come rilevato dai dati elaborati dall'Anicav, Associazione nazionale industriali conserve alimentari vegetali - in calo dell'11,5%, rispetto al 2017. Nel bacino Centro Sud sono state trasformate 2,20 milioni di tonnellate di pomodoro - con una riduzione del 12,7% rispetto al 2017 - mentre nel bacino del Nord il trasformato finale si è attestato intorno a 2,45 milioni di tonnellate (-10,2% rispetto allo scorso anno).

Il dato si inserisce in una situazione di riduzione generale sia a livello europeo (-15%) che mondiale (-10%): in particolare la Cina con 3,8 milioni di tonnellate ha ridotto le quantità di circa il 40% e la Spagna e il Portogallo, complessivamente, di oltre il 20%. La diminuzione delle produzioni nel Belpaese è da ricondurre sia alla diminuzione delle aree coltivate che alle molte e ripetute avversità climatiche che hanno inciso in maniera significativa sulla resa agricola.

"Alle minori rese agricole è corrisposto un calo delle rese industriali dei derivati destinati al consumatore finale di circa il 20% rispetto allo scorso anno – è scritto in una nota dell'Anicav - legato all'esigenza di utilizzare maggiori quantità di materia prima per riuscire a garantire i nostri standard qualitativi, comportando un significativo impatto sui costi di produzione aziendali già interessati da altri aumenti".

Sempre secondo Anicav "Questo si tradurrà per le aziende in margini ancora inferiori rispetto a quelli già esigui risultanti dagli accordi commerciali conclusi con la Grande distribuzione organizzata prima della campagna, tenuto conto che, sul mercato del prodotto finito, i rapporti tra imprese di trasformazione e Gdo continuano ad essere sbilanciati a favore della seconda, grazie alla sua capacità di aggregazione".

Inoltre Anicav sottolinea: "la Gdo esercita una pressione sempre crescente nei confronti dei propri fornitori anche attraverso l'utilizzo di particolari pratiche commerciali come le aste online. Le aziende, pertanto, avranno grandi difficoltà ad assorbire le perdite".

Il comparto del pomodoro da industria rappresenta un settore strategico per l'agroindustria italiana sia per le quantità lavorate - l'Italia è, infatti, il secondo trasformatore al mondo di pomodoro dopo gli Usa e rappresenta il 13,6% della produzione mondiale e il 49% di quella europea - che per i volumi di fatturato, pari a oltre 3,15 miliardi di euro.

Per la sua grande vocazione all'export, inoltre, l'Italia, nonostante il calo dei consumi interni, è il primo paese esportatore di derivati del pomodoro che rappresentano l'emblema della cucina italiana nel mondo. Nel primo semestre 2018 (dati Istat) si è registrata una crescita dell'export dell'11,2% in volume e del 7,69% in valore, con un valore ampiamente positivo della bilancia commerciale.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Anicav

Autore:

Tag: import/export orticoltura mercati maltempo danni

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.759 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner