Kiwi, +13% previsto per la produzione in Italia

Le stime emerse alla 37° edizione di Iko parlano di 373mila tonnellate di actinidia a polpa verde nel Belpaese. Nell'emisfero Nord (Cina esclusa) l’offerta potrebbe arrivare a 732mila tonnellate, +6%

iko-2018-fonte-cso.jpg

Un momento dell'evento Iko

Per l'Italia si prevede quest'anno una crescita del 13% sul 2017 per la produzione di kiwi a polpa verde con circa 373mila tonnellate, dopo la campagna scorsa contraddistinta da un’offerta eccezionalmente limitata. I livelli sono però nettamente inferiori al potenziale del paese: infatti segnerebbe un -16% rispetto alla media produttiva dei quattro anni precedenti.

A livello internazionale, escludendo il kiwi a polpa gialla, esclusivamente controllato da Consorzi e con una commercializzazione molto diversa da quella dell’Hayward, nell’emisfero Nord (esclusa la Cina, di cui si dispongono di informazioni molto carenti) l’offerta potrebbe attestarsi su 732mila tonnellate, +6% rispetto alla scarsa produzione dell’anno precedente, ma -3% sulla media 2014-2017. In particolare si registra una diminuzione solo per il Portogallo e la Grecia conferma i quantitativi della scorsa stagione.

Il kiwi a polpa gialla registra una crescita degli impianti, soprattutto in Italia, e che oggi nell’ambito dei paesi analizzati dell’emisfero Nord, rappresenta l’8% del totale della coltivazione. In Italia, in particolare, l’offerta sembra quest’anno superare le 60mila tonnellate, grazie alla progressiva entrata in produzione degli impianti recentemente messi a dimora.

Il complesso quindi della produzione del kiwi nell’Emisfero Nord è stimata su quasi 800mila tonnellate, +9% sull’anno precedente, un livello molto simile all’annata 2016.

Questi i dati delle stime produttive per la stagione 2018-2019 del kiwi emersi in occasione di Iko, l'International kiwifruit organization, tenutosi a Bordeaux dal 9 al 12 settembre scorsi, che ha visto la partecipazione per l'Italia di Cso Italy, oltre a rappresentanti provenienti da Cile, Nuova Zelanda, Portogallo, Spagna, Grecia e Francia.

L'occasione ha visto il confronto dei partecipanti su diversi temi che interessano la coltivazione del kiwi nel mondo, dall’analisi produttiva e commerciale fino a quella legata agli aspetti fitosanitari. A proposito della commercializzazione, i delegati Iko hanno sostenuto l’importanza della tracciabilità dell’origine del prodotto negli scambi fra paesi produttori.

Il prossimo appuntamento con Iko si terrà in Italia, dall'8 all'11 settembre 2019 e sarà organizzato da Cso Italy.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.677 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner