Pero, nuove varietà grazie alla collaborazione Unibo-Civ

L'università e il consorzio sono pronti a lavorare coi principali produttori e operatori del settore 'Pero' in Italia e in Europa

pere-varieta-lucy-red-fonte-civ.jpg

Pere della varietà Lucy Red

L'Università di Bologna, insieme al Consorzio italiano vivaisti (Civ) di San Giuseppe di Comacchio (Fe), è orgogliosa di annunciare la nuova iniziativa relativa alle seguenti nuove varietà di pero "Unibo-Civ": Lucy Sweet® PA1UNIBO *, Early Giulia® PA1UNIBO *, Debby Green® PA1UNIBO * e Lucy Red® PA1UNIBO *.

Questa iniziativa offre l'opportunità a qualsiasi agricoltore europeo di costituire direttamente nella sua proprietà nuovi impianti pilota di livello avanzato con queste varietà di pero. L'obiettivo principale è quello di ampliare la gamma di test delle condizioni di crescita e spostare l'attenzione dai piccoli siti sperimentali a campi piloti di dimensioni più grandi "pre-commerciali".

Unibo-Civ sono molto interessati a collaborare con i principali produttori e operatori del settore 'pero', sia in Italia che nel resto d'Europa. Nell'ambito di questa attività promozionale, la partecipazione al progetto vedrà condizioni speciali, nonché un tentativo di diffondere e condividere i risultati dell'attività di ricerca dell'Università ai partecipanti.
 
Futurpera 2017
Da sinistra: Andrea Ravaioli e Andrea Ancarani dell'Università di Bologna, Marco Bertolazzi variety manager del Civ, Pierfilippo Tagliani presidente del Civ ed Eugenio Bolognesi direttore generale del Civ

Vale la pena notare che ciascun partecipante interessato al progetto dovrà ordinare le piante delle varietà ad Unibo-Civ entro luglio 2018 per consentire ai vivai autorizzati di innestare le varietà richieste.

Per ulteriori informazioni su queste varietà di pero:
"Speriamo di coinvolgere il maggior numero di parti interessate nel settore del pero e attendiamo con impazienza la risposta a questo importante invito pubblico" sostengono congiuntamente Unibo-Civ.

Per maggiori informazioni tecniche e specifiche, si prega di contattare kto@unibo.it e marco.bertolazzi@civ.it

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 188.828 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner