Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
30 anni di Image Line
Una Mano per i Bambini

Fragole Candonga, prezzi all'insegna della stabilità

Secondo Ismea la varietà Sabrosa si conferma il frutto meglio valutato dal mercato. Nel 2018 nel Sud Italia risultano investiti oltre 2000 ettari a fragole, il 60% del totale nazionale

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

Info aziende
tunnel-a-fragola-sabrosa-a-marchio-candonga14mar2018planitalia.jpg

Un campo in tunnel di fragole Sabrosa e il packacing a marchio Candonga
Fonte foto: © Planitalia Srl

Le fragole a marchio Candonga si confermano in questa prima fase di campagna commerciale con prezzi ben superiori alle altre. E i prezzi tengono, anche se l’esordio è per ora decisamente al di sotto dei valori dello scorso anno, che risentivano però del restringimento dell'offerta dato dai danni della neve in Basilicata. Per la campagna fragole 2018, le coltivazioni di fragole nelle aree meridionali del Paese si attestano su circa 2000 ettari e rappresentano oltre il 60% della fragolicoltura nazionale. Ed è qui anche il cuore pulsante del vivaismo dedicato alla fragolicoltura, di cui Planitalia è azienda leader.

Secondo Ismea il prezzo medio pagato all’origine in Italia per la fragola Candonga nella seconda settimana di marzo 2018 si mantiene a 2,75 euro al chilogrammo, stabile dalla scorsa settimana, dopo aver subito un brusco calo rispetto al prezzo di metà febbraio, quando quotava 3,35 euro al chilogrammo, dovuto al freddo che ne aveva fatto diminuire la domanda. Il divario negativo con i prezzi dello scorso anno, riferiti alla seconda settimana di febbraio è del – 26,3%.

Sempre secondo Ismea, invece, prezzi in caduta libera per le altre fragole, che tra l’ultima settimana di febbraio e la seconda di marzo passano da 2,63 euro al chilogrammo a 2,08. In questo caso il differenziale con lo scorso anno è più elevato rispetto alle Candonga: - 33,6%.
 

Il cuore della fragolicoltura italiana batte al Sud

“Le condizioni pedoclimatiche delle regioni meridionali - spiega Carmela Suriano, general manager della Planitalia - ci permettono di produrre fragole di ottima qualità da gennaio sino a giugno, grazie all’utilizzo di particolari cultivar e all’ausilio di tunnel serra. Per ottenere produzioni precoci e scalari vengono utilizzate piante fresche prodotte in vivai di altura e messe a dimora nel mese di ottobre”.

Con una quota di mercato del 75%, Planitalia si riconferma anche per la campagna 2018 il primo fornitore di piantine di fragole nel Sud Italia. La Sabrosa - Candonga con il 36% è la principale cultivar in ordine di importanza nel panorama varietale meridionale, seguita dalla Sabrina con il 26% e dalla Melissa con il 18%.

“La cultivar Sabrosa, commercializzata con i marchi Candonga e Candonga Fragola Top Quality, - spiega Carmela Suriano - viene coltivata in Basilicata, mentre in Campania e in Calabria predomina la varietà Sabrina seguita dalla nuova cultivar Melissa. Quest’ultima sta riscuotendo grande interesse da parte dei produttori per la sua estrema rusticità e precocità; apprezzata dal mercato, per le sue caratteristiche organolettiche”.

“La fragolicoltura meridionale - conclude Carmela Suriano - si caratterizza per l’altissimo livello di specializzazione, grazie all’introduzione di cultivar con frutti caratterizzati da aroma, sapore e lunga vita commerciale, nonché per l’adozione di tecniche colturali a basso impatto ambientale che consentono di ottenere una fragola salubre e di qualità superiore. Caratteristiche che conferiscono alla nostra fragola una forte identità e che i consumatori riconoscono e premiano nell’acquisto”.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: AgroNotizie

Autore:

Tag: prezzi mercati fragola

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 19 aprile a 138.495 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy