Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

FuturPera, rese e produttività dell'Abate Fétel

In occasione della kermesse sono state analizzate le difficoltà del settore ed è stata presentata una ricerca che mette in evidenza i costi e i ricavi di un'azienda. Guarda la videointervista a Carlo Pirazzoli dell'Università di Bologna

Barbara Righini di Barbara Righini

pere-abate-schermata-video-barbara-righini-convegno-futurpera-nov-2017.jpg

Per Abate Fétel con 18mila euro/ettaro di Plv si va in pari

Margini risicati, anzi, molto spesso si va sotto. Gli agricoltori lo sanno, i costi sono elevati, le rese non danno soddisfazione, e in molti non riescono a trovare la tanto cercata redditività, coltivando pere. Il punto è stato fatto durante FuturPera, la fiera ferrarese dedicata  alla pericoltura che si è svolta fra il 16 e il 18 novembre nella città emiliana. 

Durante il convegno 'Abate Fétel: aumentare le rese per una maggiore redditività', moderato dal direttore di AgroNotizie Ivano Valmori, sono state analizzate le difficoltà del settore e in particolare della varietà Abate Fétel.
In Emilia Romagna, principale areale italiano dedicato alla pera, secondo i dati Cso servizi, si è passati dai 27mila ettari di fine anni '90 agli attuali 19mila. A farla da padrona è appunto l'Abate Fétel mentre tutte le altre varietà, ad eccezione delle William, si sono ridotte. Le rese si aggirano attorno ai 250 q/ha, praticamente stabili negli ultimi venti anni mentre gli impianti mostrano un certo invecchiamento, con il 33% che supera i ventuno anni.

Carlo Pirazzoli dell'Università di Bologna ha presentato una ricerca che mette nero su bianco costi e ricavi di un'azienda ipotizzata di 20 ettari, con una densità di impianto di 2.850 piante a ettaro.

Per riuscire almeno a coprire i costi è necessario un valore di Prodotto lordo vendibile che si attesti sui 18mila euro a ettaro. A pesare molto è il costo della manodopera, come ha fatto notare Fabio Galli, tecnico della Fondazione Navarra di Ferrara. Secondo i dati in possesso della Fondazione e che si riferiscono alla stessa, per la manodopera si spendono fra gli 8 e i 9mila euro a ettaro, poi ci sono da aggiungere costi di difesa, energia, nutrizione, oltre ai costi di impianto. Agli attuali prezzi di mercato, a meno di non riuscire a spuntare un prezzo migliore, bisogna riuscire a produrre almeno 300 q/ha per non andare in perdita.
Una leva possibile è tentare di aumentare le pezzature. Pirazzoli infatti ha sottolineato come intorno al 37% del prodotto sia oggi scarto o seconda scelta mentre per trovare buone remunerazioni occorrerebbe che almeno la metà si attestasse sopra i 70 mm di calibro. Con l'aumento delle pezzature potrebbe essere sufficiente produrre 280 q/ha. Per aumentare le rese, una delle strategie possibili, ha messo in rilievo Galli della Fondazione Navarra, potrebbe essere quella di evitare negli impianti blocchi monovarietali

Difficile influire sul mercato e spuntare prezzi migliori: "Una delle possibilità - ha detto Pirazzoli - è la comunicazione. Il prodotto va valorizzato e questo vale per tutti i prodotti italiani. La comunicazione va fatta e con forza, non va fatta solo ogni tanto. Bisogna insistere perché vengano recepiti i valori intrinseci della pera italiana".
 

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: frutticoltura convegni ricerca pere redditi futurpera pero FuturPera 2017

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia
Irritec

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 14 dicembre a 134.508 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy