Patata dolce: stato attuale e prospettive

Venerdì 24 novembre prossimo, ore 9.45 al Centro sperimentale ortofloricolo “Po di Tramontana” di Veneto Agricoltura di Rosolina (Ro)

Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

20171124-patata-dolce.jpg

Rosolina (Ro), 24 novembre 2017

Il prossimo venerdì 24 novembre, alle 9.45, si terrà al Centro sperimentale ortofloricolo “Po di Tramontana” di Veneto Agricoltura di Rosolina (Ro). La batata o patata dolce (Ipomoea batatas), conosciuta anche come patata americana sta riscuotendo attenzione a livello nazionale. È infatti tra le prime dieci colture più importanti al mondo (vuole un clima sub e tropicale). In Italia è considerata una coltura di nicchia (600 ettari per circa 13.000 t); l’80% della produzione è veneta: circa 480 ha per quasi 10.000 tonnellate.

Esiste quindi l’esigenza di approfondire e migliorare la gestione di questa coltura sotto il profilo varietale, agronomico e fitosanitario al fine di incrementare l’offerta per intercettare un crescente segmento di consumatori nazionali ed europei.

Il programma prevede, dopo la registrazione dei partecipanti e l'introduzione di Alberto Negro, direttore di Veneto Agricoltura, l'inizio dei lavori coordinati da Paolo Sambo dell'Università di Padova. Dallo stesso ateneo, Gianni Barcaccia, che parlerà del miglioramento genetico della patata dolce, e Carlo Nicoletto che si occuperà della tecnica agronomica e aspetti qualitativi. Franco Tosini, del Centro sperimentale "Po di Tramontana" illustrerà le esperienze nel Centro la tecnica vivaistica, mentre le problematiche nella gestione e difesa della coltura saranno esposte da Federico Nadaletto di Opo Veneto. Seguirà il dibattito.

Crediti formativi riconosciuti: 2,5 Cfp - Collegio periti agrari - 0,5 Cfp - Ordine dottori agronomi - Acquisito anche il  riconoscimento Cfp da Collegio degli agrotecnici.

Per informazioni: 049 8293950 - po@venetoagricoltura.org - web - pagina Facebook

Scopri come registrarti al convegno

Scarica il programma in formato .Pdf

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.697 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner