Cosa ne sarà del progetto Liste varietali?

Se ne è parlato il 24 novembre 2016 ad Interpoma durante il convegno "Prove varietali su melo e pero: modalità, risultati e criticità. Il progetto italiano Liste varietali"

Lorenzo Cricca di Lorenzo Cricca

Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

listevarietaliinterpoma2016.jpg

Nato nel 1994, ha permesso di produrre informazioni oggettive su diverse migliaia di varietà
Fonte foto: © Agronotizie

Cosa ne sarà del progetto Liste di orientamento varietale dei fruttiferi finanziato dal Mipaaf e dalle regioni? Probabilmente sarà destinato a terminare con il finire del 2016.
Nato nel 1994, ha permesso di valutare diverse migliaia di varietà con lo scopo di dare informazioni oggettive e documentate a ricercatori, tecnici, frutticoltori, vivaisti e commerciali.

"Da tre anni il progetto non ha più finanziamenti pubblici - spiega Walter Guerra, responsabile del reparto di pomologia del Centro di sperimentazione agraria e forestale Laimburg -, ed oggi ci chiediamo come sarà possibile andare avanti. Ci sono tre possibilità: privatizzare le prove di valutazione varietale, continuare nella direzione del finanziamento pubblico o creare una collaborazione pubblico-privata. Quest'ultima soluzione è quella più interessante e percorribile".

Negli ultimi anni sono nati diversi progetti che uniscono le aziende private e gli enti di ricerca pubblica. In questo modo le aziende hanno la possibilità di sfruttare il lavoro di ricerca, in cambio di un investimento economico nell'attività di ricerca e sviluppo.

"In Alto Adige abbiamo creato il Consorzio innovazione varietale SK Sudtirol - continua Guerra - che permette una stretta collaborazione tra pubblico e privato, allo scopo di valutare varietà e crearne delle nuove. Ne sono coinvolti il Centro di sperimentazione agraria e forestale del Laimburg ed i più importanti Consorzi frutticoli altoatesini.
La scelta varietale e dei portinnesti infatti è oggi più delicata ed importante che mai, sia per la numerosità delle innovazioni, sia per gli elevati costi d'impianto e sia per gli attuali risicati margini di profitto. Oggi non si può sbagliare perchè le decisioni che prendiamo determinano l'economia dell'azienda per i prossimi 15-20 anni".


Per parlare di questa tematica, lo scorso 24 novembre, all'interno degli eventi di Interpoma 2016, è stato organizzato un convegno dal titolo "Prove varietali su melo e pero: modalità, risultati e criticità. Il progetto italiano Liste varietali".
Sono intervenuti oltre cento partecipanti da ventidue paesi.
I profili coinvolti sono stati svariati: commerciali, consulenti, legali, tecnici, ricercatori, vivaisti, agricoltori e professori universitari. Un 'melting pot' di profili e di professioni uniti dall'interesse comune per le tematiche varietali.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: frutticoltura innovazione varietale convegni interviste interpoma

Temi caldi: Interpoma 2016

Speciale: Interpoma 2016

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 202.618 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner