Sul mercato spagnolo arriva Sweeki, il kiwi italiano del segmento premium

Una campagna promozionale lancerà il frutto prodotto e distribuito da Origine Group caratterizato da una dolcezza e un gusto superiori

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

origine-group-alberto-garbuglia.jpg

Alberto Garbuglia, amministratore di Origine Group

Si chiama Sweeki, è italiano: è il nuovo kiwi che si appresta a fare il suo ingresso sul mercato spagnolo posizionandosi nel segmento premium.
 
Prodotto e distribuito da Origine Group, organismo consortile nato nel 2015 dall’alleanza strategica tra nove realtà attive in Italia nel settore ortofrutticolo (Afe, Apofruit, FruttaC2, Granfrutta Zani, Kiwi Uno, Op Kiwi Sole, Pempacorer, Salvi-Unacoa e Spreafico), Sweeki si presenta come una risposta ad alto contenuto innovativo per un mercato, quello spagnolo, sempre più in cerca di una qualità elevata e costante.
 
Ma c’è di più: Sweeki si posiziona nel segmento premium, grazie a una strategia produttiva che prevede di destinare al brand il prodotto proveniente dai migliori lotti di produzione, allo scopo di portare al consumatore un prodotto di qualità garantita, contraddistinto da una dolcezza e da un gusto percepibili come superiori grazie all’alto grado brix e a una rigida selezione. Non manca una grande attenzione al prezzo, dal momento che il prodotto contraddistinto dalla nuova marca si posizionerà su un livello più attrattivo rispetto ai diretti competitor.
 
Da una recente ricerca condotta su un campione di grossisti, retailer e stakeholder, il mercato spagnolo del kiwi risulta uno dei principali in Europa ed è in costante crescita. Tuttavia, la produzione interna soddisfa la domanda solo per l’11%, mentre l’import, che occupa il restante 89%, rappresenta un valore di 156 milioni di euro.
Attualmente, i maggiori quantitativi d’importazione provengono dalla Nuova Zelanda, che detiene una quota del 60%, seguita dall’Italia. Il trend delle vendite, peraltro, in Spagna risulta essere molto positivo, tanto che gli stessi importatori intervistati prevedono un aumento del giro d’affari.
 
In tale scenario, va ora ad inserirsi Sweeki, per una scommessa che si presenta con tutti i presupposti per essere vincente. Il lancio, peraltro, sarà supportato da una campagna promozionale, sia business che consumer. Nel primo caso sono infatti previsti incontri con i retailer e altre iniziative rivolte al trade, mentre per fare conoscere il marchio Sweeki al grande pubblico non mancheranno promozioni nei punti vendita, attività sui principali social media e presenza a eventi e manifestazioni in alcune delle principali città del Paese.
 
Il consumatore di kiwi spagnolo – commenta Alberto Garbuglia, amministratore di Origine Group - è ‘marquista’. La ulteriore conferma ci proviene dalle risposte degli intervistati nell’indagine di mercato che abbiamo commissionato prima di lanciare questo nuovo marchio. I consumatori spagnoli ricercano la marca in quanto garanzia di qualità, costanza e serietà. Sweeki è pronto a soddisfare questa domanda e rappresenta al contempo una grande opportunità per i kiwi italiani. Non abbiamo del resto rilevato pregiudizi verso un potenziale marchio tricolore: gli operatori sanno che, con i dovuti sforzi di selezione e promozione, l’Italia ha tutte le carte in regola per giocare sempre più un ruolo da protagonista nel mercato internazionale del kiwi”.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.800 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner