Mela Modì: 16.500 tonnellate previste

Inizio positivo della campagna 2016-2017 per la mela rossa succosa e croccante che prevede un raccolto di qualità

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

modi-mela-20161011.jpg

La produzione di Modì® genera una riduzione fino al 49% di emissioni di gas serra nell’atmosfera

Buona la partenza, stando alle stime preliminari del raccolto 2016, della mela Modì®, che inizia dunque al meglio la sua campagna commerciale 2016-2017. Ad avvalorare queste previsioni sono sia la quantità che la qualità osservate, in grado di sostenere e soddisfare le richieste provenienti dai mercati internazionali e dai loro consumatori.

Nel dettaglio, la produzione stimata di prodotto di prima categoria Modì® dell’emisfero Nord si dovrebbe attestare intorno a circa 16.500 tonnellate: di queste, il 70% proviene dalla produzione europea del Gruppo Modì Europa, il restante 30% è invece di produzione turca, serba e russa.

Le prospettive commerciali per i distributori autorizzati sono buone per due fattori: da una parte qualità e calibro del prodotto in fase di raccolta; dall’altra le richieste che provengono dal Middle East e soprattutto dal Far East: anche quest’anno si riscontra un forte interesse da parte dell’India, che la recente fiera Asia Fruitlogistica, tenutasi a Hong Kong dal 7 al 9 settembre, ha avuto modo di dimostrare.
 
Nuovi operatori scelgono Modì®, dall’America all’Australia
Il respiro della mela Modì® è ormai diventato internazionale. A crescere è inoltre l’interesse nei confronti di questa produzione: nel Progetto Modì® sono infatti recentemente entrati, come partner licenziatari, la sudamericana Dole Chile e l’australiano Freshmax Group, che prevedono una produzione in contro stagione in forte aumento nei prossimi anni. Nuovi player sono anche i californiani di Farmington Fresh: questi ultimi, nonostante il progetto sia ancora in fase preliminare di sviluppo, hanno grandi ambizioni per il prossimo triennio, in termini di crescita produttivo-commerciale.
 
A coordinare a livello internazionale le linee guida di marketing strategico per la mela rossa con un tocco di giallo è il Consorzio Modì Europa, che vanta una produzione totale scendi-pianta stimata nel 2016 di circa 18.000 tonnellate, che opera attraverso la piattaforma Modì® International Project, deputata a uno sviluppo internazionale del brand coordinato e coerente nei diversi mercati target.
 
Una varietà resistente ed eco-sostenibile
Modì
® è riuscita a crearsi uno spazio fortemente identificato, nel comparto delle mele, grazie alle sue caratteristiche di croccantezza, succosità, giusta dolcezza e anima “ecologica”.
Modì® è il frutto di una pianta particolarmente resistente alle principali malattie del melo ed è precoce in termini di raccolta. Queste caratteristiche garantiscono una maggiore facilità nella gestione della pianta e del frutteto e si traducono in minori interventi in campo, e in generale in una forte riduzione dell’impiego di fattori produttivi, cui fa da contraltare una produttività elevata e costante. La risultante è “green”, nel senso che la produzione di Modì® genera una riduzione fino al 49% di emissioni di gas serra nell’atmosfera (unica mela con misurazione Carbon footprint), rispetto ad altre mele di riferimento alle stesse condizioni di produzione.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 218.244 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner