Puglia, un futuro per i grani antichi di Foggia

Il cuore del progetto SaveGrainPuglia: un campo catalogo e il recupero di antiche varietà presso "coltivatori-custodi"

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

agricoltura-lavoro-agricolo-campo-grano-raccolto-trattori-macchine-agricole-tyler-olson-fotolia-750.jpg

Raccolta del grano, in provincia di Foggia promossa anche la conservazione in situ delle cultivar più antiche
Fonte foto: © Tyler Olson - Fotolia

Una storia millenaria e origini antichissime quella del grano in Puglia. Ma anche una produzione che - grazie all’innovazione e alla ricerca del Centro di ricerca per la cerealicoltura del Crea, con sede a Foggia - è proiettata nel futuro. Perché la conservazione di grani antichi potrà aiutare l’uomo che affronta il mutamento climatico a poter disporre di cultivar più adattabili, aumentando qualità e produttività dei campi.

E’ quanto emerso dall’intervento “Grani del tavoliere delle puglie: analisi, storie e personaggi” di Pasquale De Vita, ricercatore del Crea-Cer presentato a Bari qualche giorno fa in occasione del convegno “Recupero, caratterizzazione, salvaguardia e valorizzazione di leguminose e cereali da granella e foraggio in Puglia”. L’incontro era l’appuntamento finale del progetto SaveGrainPuglia, realizzato con il Programma di sviluppo rurale della Puglia 2007-2013 grazie alla Misura 214, Azione 4, sub azione a) “Progetti integrati per la biodiversità”.
 
"La tradizione cerealicola della Capitanata – ha spiegato De Vita - ha origini antiche come risulta dal sito archeologico di Arpinova, dal Piano delle fosse granarie di Foggia e di Cerignola e dalla targa celebrativa conservata nella Galleria della carte geografiche del Vaticano, nel corridoio Belvedere. Nel corso dei secoli questa tradizione si è consolidata tanto da spingere uno dei personaggi più illustri nell’ambito del miglioramento genetico dei cereali, Nazareno Strampelli, a identificare e a sperimentare le sue costituzioni varietali proprio a Foggia, una delle principali aree cerealicole del nostro Paese. Tuttavia, in questo territorio – ha aggiunto -, gran parte delle risorse genetiche vegetali accumulate nel corso dei secoli sono andate perse. Questa erosione genetica è stata incoraggiata dalla rapida diffusione di nuove varietà di frumento esponendo questa specie ad una maggiore vulnerabilità ai cambiamenti climatici e alle nuove avversità di tipo biotico ed abiotico".

Nell’ambito del progetto SaveGrainPuglia, il Crea-Cer ha condotto una ricerca storica per ricostruire il ruolo e l’importanza sociale ed economica dei cereali in provincia di Foggia. Ha promosso una serie di attività di prospezione territoriale per l'individuazione ed il recupero delle risorse genetiche vegetali a cui è seguita un'attività di conservazione ex situ anche attraverso l'allestimento di un campo catalogo e la predisposizione di schede descrittive per ciascuna risorsa.

"I materiali genetici – ha illustrato De Vita - sono stati caratterizzati dal punto di vista agronomico, genetico e molecolare, sfruttando le moderne tecnologie “oniche” (nel campo della biologia molecolare) ad alta processività, con l’obiettivo di identificare caratteri, composti, geni di interesse agronomico e nutrizionale e di sfruttarli sia direttamente, alimentando filiere produttive dedicate e basate sull’utilizzo dei genotipi identificati, sia indirettamente, attraverso l’impiego di questi stessi materiali genetici per la predisposizione di nuovi programmi di miglioramento della specie. Inoltre, rovesciando la concezione di custodia passiva, il progetto SaveGrainPuglia, ha aperto le porte ad un nuovo modo di gestire e valorizzare le colture antiche".

L'attività di conservazione in situ, infatti, è stata condotta attraverso il coinvolgimento attivo delle aziende agricole interessate alla salvaguardia ed alla valorizzazione delle risorse genetiche vegetali.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Agronotizie

Autore:

Tag: convegni ricerca psr cambiamenti climatici

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 206.510 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner