Modì®: la campagna 2015-2016 inizia all’insegna dell’ottimismo

Sensibile aumento per la stima del raccolto nell’emisfero Nord, che si dovrebbe attestare intorno alle 15.000 tonnellate

Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

mela-modi-inizio-stagione-2015-2016.jpg

Mele Modì, buone prospettive per la campagna commerciale 2015-2016

La mela Modì® si presenta ai nastri di partenza della campagna commerciale 2015-2016 con una stima preliminare di raccolto 2015 particolarmente interessante, sia dal punto di vista quantitativo sia qualitativo, in grado di soddisfare tutte le richieste provenienti dai mercati internazionali e dai loro consumatori.
Complessivamente, la produzione stimata di prodotto di prima categoria Modì® dell’emisfero Nord si dovrebbe attestare intorno a 15.000 tonnellate circa. Di queste, il 75% circa risulta di produzione europea e il restante 25% di produzione turca (gruppo Ozler Tarim), serba (gruppo Delta Agrar,) e russa (gruppo Sad Gigant).
 
Modì Europa – con una produzione totale scendi-pianta stimata per il 2015 di circa 20.000 tonnellate – ritiene che, nonostante le criticità legate al perdurare della chiusura delle frontiere russe, le prospettive commerciali della campagna 2015-2016 siano positive, sia per la qualità del prodotto in fase di raccolta, che per l’interesse proveniente da Nord Africa, Middle East e soprattutto Far East.
L’ India, in particolare, si sta dimostrando anche quest’anno estremamente interessata alla mela Modì®, come riscontrato in occasione della recente Fiera Asia Fruitlogistica, svoltasi a Hong Kong dal 2 al 4 Settembre.
 
La portata internazionale del progetto Modì®
Il forte coinvolgimento globale nei confronti di Modì® è stato confermato dalle ultime adesioni al progetto dei licenziatari del gruppo Freshmax Group (che include imprese australiane e neozelandesi) e dei partner californiani di Farmington Fresh che, sebbene siano ancora nelle prime fasi di sviluppo, prevedono un significativo incremento produttivo e commerciale per il prossimo triennio, sia in contro-stagione nell’emisfero australe, che su suolo americano.
Modì® si conferma quindi un frutto dal respiro internazionale, come testimonia anche la piattaforma globale Modì International, che coordina tutti i partner a livello internazionale per ciò che attiene il marketing strategico, con l’obiettivo principale di sviluppare il brand tout court.
 
Le iniziative di marketing in programma
Costante e importante è l’impegno di Modì Europa nei confronti delle attività di marketing, che mirano da una parte (trade marketing) a sensibilizzare il sistema distributivo e dall’altra (con azioni di branding) a catturare soprattutto l’interesse del target elettivo, i cosiddetti “Nature lovers”, ossia i giovani che amano sperimentare nuovi gusti, che prediligono prodotti di qualità e che desiderano coniugare piacere e stile di vita semplice ed eco-sostenibile.
Per colpire questo target, tipicamente mobile e iperconnesso, Modì Europa utilizza principalmente gli strumenti digitali: su tutti spicca la pagina Facebook “Modì Apple”, nella quale vengono inseriti contenuti ad hoc, relativi alla mela, alle sue caratteristiche e alle modalità e occasioni di consumo. Sono anche previste, nel corso dei prossimi mesi, attività concorsuali, per ingaggiare direttamente i consumatori e allo stesso tempo creare consapevolezza sul prodotto, nonché una costante attività di PR dedicata ad accrescere la brand reputation online.
 
Modì®, ecologica per natura
La sua affascinante buccia rossa, la polpa croccante e succosa, associata a una dolcezza bilanciata e a una leggera acidità, ma soprattutto la sua speciale anima green, rendono la mela Modì® unica nel comparto e fortemente distintiva.
Modì® nasce da una pianta di facile gestione, caratteristica che implica minori interventi in frutteto e in generale una forte riduzione dell’impiego di fattori produttivi.
A questa particolare origine varietale si associa una produttività elevata e costante che genera una riduzione fino al 49% di emissioni di gas serra nell’atmosfera (unica mela con misurazione Carbon Footprint), rispetto ad altre varietà di riferimento, alle stesse condizioni di produzione.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 218.244 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner