Melo, parte bene la campagna del Consorzio la Trentina

Il calendario di raccolta è in linea con quello dell'anno scorso: iniziato con le Red Delicious, proseguirà con le Golden

Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

latrentinalogo750pixel.jpg

Consorzio la Trentina: partita la campagna di raccolta delle mele

Iniziata a metà agosto, il Consorzio la Trentina si trova attualmente nel pieno della raccolta per la campagna 2015-2016.
 
Nonostante le alte temperature dei mesi di luglio e agosto – commenta Simone Pilati, direttore generale del Consorzio la Trentina – la partenza della campagna promette bene. Grazie alla professionalità e all’esperienza dei nostri soci, insieme al territorio vocato in cui operiamo, le mele, sia la Gala, la prima ad essere colta, sia la Red Delicious, risultano di buona colorazione, gustose e di pezzatura ottimale”.
 
Il calendario di raccolta è quindi in linea con quello dell'anno scorso: in questi giorni di settembre è iniziata la raccolta della Red Delicious che proseguirà, con l’inizio della prossima settimana, con quella della Golden, per concludersi, alla fine di ottobre, con tutte le varietà che compongono l’offerta la Trentina.
 
Siamo molto soddisfatti – continua Pilati – di questo inizio campagna che, ad oggi, promette un aumento della produzione del 10% rispetto alla stagione precedente con 60.000 tonnellate raccolte, contrariamente alla tendenza generale a livello europeo che quest’anno prevede invece un calo del 5%”.
 
Una crescita dovuta sicuramente anche al nuovo assetto del Consorzio che, a partire dal primo di agosto, ha visto la cessione da parte di tutte le cooperative socie dei rami d’azienda della lavorazione, oltre all’entrata all’interno dell’Op di una nuova consociata che ha portato con sé 100 nuovi ettari di frutteto.

Grazie al prospettato calo europeo della produzione – conclude il direttore Pilati – ci attendiamo un maggiore equilibrio tra domanda e offerta e di conseguenza un andamento più favorevole dei prezzi che, ci auguriamo, possa consentirci di sfruttare il nostro maggiore raccolto per rafforzare la nostra posizione sui mercati”.
 
La commercializzazione avverrà sui dodici mesi dell’anno e la strategia continuerà a puntare sulla diversificazione dei canali distributivi facendo leva sull’ampio raggio di azione del Consorzio: il 50% della produzione sarà concentrata sul mercato italiano, mentre la restante metà sarà destinata verso vari paesi esteri come la Spagna, il Nord Africa o ancora il Medio Oriente, destinazioni strategicamente sempre più rilevanti.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.576 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner