Basilicata, pronto il progetto integrato per il nocciolo

Lo ha annunciato l'assessore Luca Braia oggi, sulla scia dell'accordo con la Ferrero

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

nocciolo-nocciole-verdi-by-vladyslav-siaber-fotolia-750.jpeg

Settore corilicolo, al via il piano strategico della Basilicata
Fonte foto: © Vladyslav Siaber - Fotolia

Entro novembre sarà lanciato un progetto integrato per la creazione e lo sviluppo di una filiera corilicola regionale nell’ambito dell’accordo quadro tra Regione Basilicata, Ismea e Ferrero.

Nell’ambito dell’accordo quadro tra Regione Basilicata, Ismea e Ferrero, per lo sviluppo della corilicoltura in Lucania, è formalmente partita l’istruttoria tecnica che porterà entro novembre prossimo alla presentazione di un progetto integrato per la creazione e lo  sviluppo di una filiera corilicola regionale che delineerà gli indirizzi strategici, gli obiettivi e tutte le attività a supporto comprensive anche delle attività formative, che riguarderanno anche i vivai regionali.
 
“Inizia una fase potenzialmente molto interessante per la nostra agricoltura - ha dichiarato oggi l’assessore all'agricoltura della Basilicata Luca Braiache però deve essere approcciata con pragmatismo, determinazione e sano realismo nella consapevolezza che il percorso non è né breve né semplice”.
 
“Le condizioni tendenzialmente positive di mercato e le ottime interlocuzioni, intensificatesi negli ultimi mesi con un importante operatore italiano, la Ferrero, che vanta oltre 20 stabilimenti produttivi in tutto il mondo tra i quali spicca per produttività anche quello lucano di Balvano - sottolinea Braia - ha portato a predisporre e realizzare nei prossimi mesi un progetto pilota sulla coltura del nocciolo che coinvolgerà alcuni territori della nostra regione, individuati come potenzialmente vocati alla produzione di qualità di un prodotto che mostra trend di crescita significativi in risposta ad una domanda mondiale crescente”.
 
Braia ha ancora detto: “Le condizioni di alcune aree interne potenzialmente vocate sotto l’aspetto pedo-climatico saranno oggetto di studi i cui risultati saranno utilizzati per definire gli areali di territorio sui quali poter concentrare le attenzioni per le scelte future ad esclusiva tutela degli investimenti che gli agricoltori dovranno e potranno liberamente effettuare e per far sì che tale occasione diventi una reale opportunità, importante e strategica, per lo sviluppo economico della popolazione interessata”.
 
Il coordinamento che si è costituito ha come protagonisti Ismea, Regione Basilicata e Ferrero. Inoltre la Regione Basilicata ha firmato un protocollo di collaborazione con Confcooperative con il ruolo di animatore degli agricoltori e di tutte le associazioni che saranno coinvolte nel progetto.
 
Il progetto di sviluppo, che sarà anche sostenuto dagli strumenti attivabili con il nuovo Programma di sviluppo rurale,  prevede, in una fase preliminare, la realizzazione di alcuni impianti pilota nel corso della campagna 2015/2016 con l’obiettivo di avere elementi di valutazione, tecnici, agronomici ed organizzativi, utili per avviare la filiera produttiva del nocciolo, coinvolgendo, negli areali da definire, alcuni  operatori agricoli interessati che saranno poi supportati nella scelta varietale e nelle tecniche colturali più adatte.
 
“L’obiettivo del progetto di sviluppo è quello di raggiungere in Basilicata una superficie significativa di terreni investiti a nocciolo. Con il Programma di sviluppo rurale 2014-2020 - ha continuato l’assessore Luca Braia - contribuiremo a sostenere e incentivare il settore recependo le necessità degli agricoltori, come accade virtuosamente in altre regioni. Entro novembre avremo un Documento di pianificazione strategica che fornirà una sintesi di tutte le attività programmate”.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Regione Basilicata

Autore:

Tag: psr accordo corilicoltura

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner