Una festa per il grano

A Poggio Renatico (FE), un'azienda ricostruita dopo il terremoto del 2012 ospita la Festa del Grano e la visita alle prove varietali dedicate ai cereali

Cristiano Spadoni di Cristiano Spadoni

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, leggi le ultime novità di Syngenta Italia.

syngenta-in-campo-tenuta-la-pioppa-20-5-2015-cereali-by-video-vicini-agncs.jpg

È una Festa del grano quella che si è svolta presso la Tenuta La Pioppa di Poggio Renatico (FE) alla fine del mese scorso. Festa, non solo per "celebrare" il cereale ed il lavoro di chi lo sceglie, lo coltiva, lo protegge: è festa per ricordare come impegno e fiducia possono guidare la ricostruzione di un'azienda seriamente danneggiata durante il terremoto del 2012. Il 20 maggio di quest'anno numerosi agricoltori e tecnici si sono riuniti nell'azienda ferrarese, ospitati nelle strutture riportate dopo il sisma, per vedere i risultati dell'attività di ricerca e sviluppo che in questa realtà produttiva hanno l'obiettivo di valutare i migliori protocolli produttivi e selezionare le migliori varietà di frumento tenero e duro, orzo, erba medica e soia da seme.

"Oggi per la prima volta stiamo ospitando questo bellissimo evento che è la Festa del grano, un'esperienza nuova per noi, che si allaccia bene alle nostre attività di moltiplicazione del grano e coltivazione" commenta Fausto Ferruzzi, direttore della Tenuta La Pioppa "Un'azienda di 440 ettari, nata ai primi dell'Ottocento. Abbiamo superato un terremoto, non ci siamo mai fermati" E aggiunge che "si può fare un'agricoltura intensiva rispettando ambiente e biodiversità: qui troviamo tassi, volpi, lepri e fagiani, nidificano sparvieri e colombacci".


La Festa del Grano e le visite in campo sono state organizzate nell'ambito di Syngenta in campo 2015 CerealPlus - Tour Gran Varietà. Per saperne di più:[link

 

I commenti

I produttori ed i professionisti che hanno preso parte ai tour guidati hanno raccontato, al termine della visita, impressioni e aspettative.

Gabriele Deni, tecnico del Consorzio Agrario di Ravenna.
"Queste manifestazioni sono estremamente interessanti. La cornice è splendida. Ci hanno colpito la competenza e la chiarezza nella spiegazione. Abbiamo visto varietà vecchie e nuove e questo ci ha entusiasmato. Per il grano duro abbiamo potuto valutare varietà che possono essere inserite nei contratti di filiera, fra queste Pi Greco. Per il grano tenero, dobbiamo trovare sostituti affidabili dal punto di vista quantitativo e qualitativo dei grani bianchi. Qui abbiamo notato una varietà ancora siglata di notevole interesse. Dal punto di vista dei trattamenti, in questa annata particolarmente critica per quanto riguarda le ruggini abbiamo visto i risultati ottimi della linea Syngenta. Nell'ambito dei fertilizzanti, Yara [guarda il video] condivide quello che noi pensiamo: il grano non può essere concimato in un'unica volta, soprattutto in certe annate piovose. Il frazionamento della concimazione è un fattore vincente".


Alessandro Valentini, imprenditore agricolo di Pesaro-Urbino
"La nostra azienda agricola produce cereali, oleaginose e foraggere. Queste sono iniziative utili che dovrebbero servire a imparare e a crescere. I nuovi fungicidi e alcune varietà resistenti sono state le novità più interessanti. Abbiamo provato l'orzo ibridi: ci siamo trovati subito bene e stiamo aumentando tutti gli anni la produzione. Mi piace seguire queste iniziative perché c'è sempre qualcosa da migliorare nella propria azienda".

Marco Procucci, Ufficio sementi Consorzio Agrario Adriatico.
"Il grano duro nella nostra area è molto importante. Oggi abbiamo nuovi materiali genetici molto interessanti dal punto di vista produttivo e qualitativo. Il Consorzio Agrario Adriatico parte dal seme fino ad arrivare alla produzione di pasta, quindi è fondamentale trovare caratteristiche rispondenti alle richieste dell'industria molitoria. Fra le varietà, Obelix e Odisseo rispecchiano queste caratteristiche in termini di produttività, contenuto proteico e glutine. L'aspetto della concia è molto importante, per proteggere la pianta dalle prime fasi: una sorta di assicurazione per la crescita della coltura. Vibrance Gold, con il suo principio attivo innovativo, va in questa direzione".


Marco Ciarimboli, coordinatore dell'ufficio agronomico del Consorzio Agrario Adriatico.
"23 tecnici offrono assistenza tecnica e commerciale ai soci del Consorzio. Siamo coinvolti in questi eventi per conoscere le innovazioni che possiamo proporre ai nostri clienti. Particolare interesse in questa giornata era dedicato all'aspetto visivo di quelle varietà di grani che dovremo scegliere nei prossimi anni, in particolare le varietà resistenti. Fra gli orzi ibridi, abbiamo acquisito una certa esperienza e abbiamo creduto molto in questa innovazione; penso che Jallon darà ottimi risultati. (Nell'ambito difesa, ndf) Seguris Xtra nei prossimi anni ci darà un grosso contributo nel contenimento delle malattie fungine dei cereali".
 

 

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Autore:

Tag: fungicidi fitosanitari interviste video cerealplus concia Syngenta in campo 2015