"Qualità in quantità" con i programmi di coltivazione

Dalle varietà alla concia, dalla difesa al supporto agronomico; l'esperienza degli agricoltori con il programma CerealPlus di Syngenta

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, leggi le ultime novità di Syngenta Italia.

syngenta-in-campo-cereal-plus-sistema-linea-2015.jpg

Il tour Gran Varietà 2015 (vedi i precedenti articoli) raduna in campo gli agricoltori che hanno già testato in campo - o che inizieranno a breve - i programmi di coltivazione CerealPlus. 
Si parla di "programmi" perché coinvolgendo tutti gli operatori delle filiere (agricoltori, ammassatori, mulini, pastifici, Gdo) sono definite chiare regole del gioco e vengono così valorizzate "le produzioni italiane, rafforzando nei consumatori italiani ed europei l’immagine di qualità di pasta, biscotti e pane Made in Italy" garantendo una remunerazione adeguata per tutti gli attori. Le fasi dei programmi sono determinate dallo sviluppo di varietà specifiche per i diversi areali italiani, dalla formulazione di nuovi concianti per la protezione della pianta a partire dal seme, dalla definizioni di programmi di difesa e diserbo su misura per varietà e territori e non da ultimo dal supporto agronomico necessario per implementare le migliori pratiche colturali, dalla concimazione al momento della raccolta.

CerealPlus 2015

Tutte le soluzioni a disposizione degli agricoltori sono disponibili nella pagina "Cereali a paglia" dove è possibile anche scaricare il catalogo varietale completo dei cereali autunno-vernini e delle soluzioni per la concia.
Fra le novità 2015 nel comparto dei teneri a ciclo medio, tutte presentano un'elevata tolleranza a malattie fungine, in particolare alla fusariosi della spiga:
Ades è una varietà produttiva e stabile in ogni situazione che risponde ottimamente agli input agronomici, sia in termini di produzione sia di qualità della granella. È ideale per le zone del nord Italia con una buona adattabilità anche per il centro;
Annibale è un tenero aristato di taglia media, adatto alla maggior parte del territorio italiano. Consente di ottenere produzioni elevate sia al nord sia al centro e buone rese anche nelle zone collinari del sud. È caratterizzato da un ottimo peso ettolitrico.
Conferme in campo per Illico (vedi la storia del "Pane di paese") ed il SY Alteo già protagonisti delle precedenti edizioni del tour.

Foggia e gli areali limitrofi presentano le eccellenze del frumento duro. Fra questi, Saragolla - ciclo precoce di taglia medio-bassa, con spiga aristata, è una varietà dotata di ottima resistenza alle malattie fungine, in particolare alla ruggine bruna. Garantisce un potenziale produttivo molto elevato e costante in tutti gli areali del centro sud Italia, con ottime caratteristiche qualitative della semola. Il buon contenuto proteico, l'alta qualità del glutine e l’indice di giallo elevato consentono di ottenere un prodotto di ottima qualità pastificatoria. Concimazioni azotate in fase di fine levata consentono di aumentare la vitrosità della cariosside.
Da 19 anni ai vertici delle classifiche per produttività, Iride è la varietà di grano duro più coltivata in Italia; è dotata di un potenziale produttivo molto elevato, determinato in particolare dall’eccezionale fertilità della spiga e dall’ottima adattabilità ai differenti areali di produzione.
Per gli areali più poveri dal punto di vista della fertilità, Gibraltar garantisce comunque rese stabili grazie anche all'elevata resistenza all'allettamento ed alla tolleranza rispetto a malattie quali la ruggine bruna.

Le opinioni dei partecipanti al tour Gran Varietà - CerealPlus, Syngenta in campo 2015

In Capitanata, un'occasione di incontro anche con i produttori di regioni limitrofe.
Maurizio Iurisci produce frumento duro in provincia di Chieti e svolge attività conto terzi "Ho un'azienda di un centinaio di ettari che gestisco a rotazione"; produce cereali, barbabietola e olive. "Bisogna coltivare con un certa serietà dall'inizio alla fine" sottolinea Maurizio che aderisce al protocollo di coltivazione Grano Armando - vedi l'approfondimento dedicato al The Good Growth Plan e la sua storia su GranoArmando.it - "bisogna proprio seguire la coltura, andare in campo tutti i giorni: da cinque anni a questa parte abbiamo riscontrato degli ottimi risultati".



Antonio La Penna di Sud Cereali (Avellino) commenta "Coltiviamo grano duro in maniera quasi esclusiva, anche per progetti di filiera. Abbiamo visitato questi campi di Syngenta nel foggiano. Sono dei grani eccezionali, si vede che avranno delle produzioni favolose. Sono delle qualità stupende". Antonio sottolinea che è utile seguire un corretto protocollo di coltivazione con i trattamenti e le concimazioni opportune e aggiunge "queste sono giornate favolose che le società dovrebbero fare molto spesso per dare le informazioni giuste agli agricoltori".

Fotogallery