Il pomodoro di Pachino si allea con il radicchio di Chioggia

La partnership sarà annunciata durante il Fruitlogistca, in programma a Berlino dal 4 al 6 febbraio 2015

Questo articolo è stato pubblicato oltre 6 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

pomodoro-igp-di-pachino-fonte-consorzio-tutela.jpg

Pomodoro di Pachino, nuova partnership con il radicchio di Chioggia
Fonte foto: © Consorzio di Tutela del Pomodoro di Pachino Igp

Il pomodoro di Pachino Igp fa squadra con il radicchio di Chioggia Igp. Dal nord al sud della penisola due eccellenze dell’ortofrutta si incontrano per dare vita a una partnership piena di gusto. Il partenariato tra i due Consorzi di tutela, già ratificato da entrambi i Consigli di amministrazione, sarà annunciato ufficialmente durante la prossima edizione di Fruit Logistica, che si svolgerà a Berlino dal 4 al 6 febbraio 2015.

L’idea – spiega il presidente del Consorzio Sebastiano Fortunato - è quella di valorizzare reciprocamente le eccellenze ortofrutticole attraverso una partnership che ci consenta di dare reciproca visibilità ai nostri prodotti, attraverso degli appuntamenti comuni e delle azioni di comunicazione condivise. Con il presidente del Consorzio di Chioggia, Giuseppe Boscolo Palo, grazie alla collaborazione e all’impegno del nostro vicepresidente Massimo Pavan, stiamo vagliando diverse idee per realizzare questo progetto comune”.

Il Consorzio dunque non si arrende di fronte alle numerose difficoltà di questo inizio d’anno e procede nella sua azione di valorizzazione. Uno stand del pomodoro di Pachino Igp sarà presente, all’interno di quello della Regione Sicilia, al Fruit Logistica.

Si tratta di una manifestazione internazionale a cui partecipiamo da diversi anni - spiega il direttore del Consorzio Salvatore Chiaramida - e dove ci confrontiamo con gli stakeholder internazionali più importanti del mondo dell’ortofrutta  per dare maggiore visibilità e sostegno al nostro pomodoro”.

Sul fronte della tutela del prodotto, invece, è stato convocato per i prossimi giorni un incontro con l’Ispettorato centrale per la qualità e la repressione drodi del Mipaaf, per definire il piano dei controlli e delle verifiche ispettive da effettuare nel corso dell’anno 2015 in collaborazione con gli agenti vigilatori incaricati dal Consorzio.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 271.084 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner