Ortaggi, fragole e piccoli frutti in Piemonte

Pubblicata la prima guida del Creso dedicata alla coltivazione sostenibile

Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

creso-guida-piccoli-frutti-orticoltura.jpg

Guida tecnica del CReSO dedicata alla coltivazione sostenibile di ortaggi, fragola e piccoli frutti in Piemonte

È in distribuzione la guida tecnica del CReSO dedicata alla coltivazione sostenibile di ortaggi, fragola e piccoli frutti in Piemonte. Il volume fornisce in 133 pagine le informazioni aggiornate sulle strategie di difesa integrata e le pratiche colturali.

E’ articolato in due sezioni. Nella prima sono riportati i disciplinari di produzione 2014 delle diverse specie di ortaggi coltivati in Piemonte, oltre che di fragola e frutti di bosco. La seconda contiene una serie di focus tematici su argomenti di stretta attualità: la difesa contro il moscerino dei piccoli frutti (Drosophila suzukii), l’uso dei limitatori naturali per il contenimento degli insetti nocivi, l’impiego dei bombi per l’impollinazione, le virosi del peperone e pomodoro, il virus del mirtillo.
Ampio spazio è dedicato alle pratiche colturali di lampone e mirtillo: impianto e forme di allevamento, fertilizzazione e irrigazione, fruttificazione e potatura, raccolta e conservazione, copertura con tunnel di film plastici.

E’ la prima guida che il Creso dedica all’orticoltura. E’ impostata sulla falsariga del volume che dal 2004 ogni anno detta le linee tecniche per frutta fresca e nocciolo. Si colma così un vuoto, mettendo a disposizione di tutte le filiere ortofrutticole piemontesi le indicazioni pratiche su come produrre qualità con i più avanzati metodi eco-sostenibili. 
La guida si propone come strumento pratico a disposizione di tecnici e produttori, capace di tramutare in indicazioni applicative puntuali e mirate i risultati dell’attività di ricerca.
Il Creso si è avvalso della collaborazione scientifica del Servizio fitosanitario regionale, del DISAFA dell’Università di Torino, del CRA-ORL e del CNR – Istituto per la Protezione Sostenibile delle Piante.
Il punto di riferimento è il Centro sperimentale per l’orticoltura di Boves (Cn), ma l’attività di innovazione e ricerca coinvolge una fitta rete di “sperimentazione estesa” del territorio: tecnici di base delle organizzazioni professionali e di filiera, nonché soci i soci e partner alessandrini: CADIR-LAB e ASPROPAT.

Il volume è distribuito gratuitamente presso il Centro sperimentale orticolo del CReSO (via Albertasse, 16 – 12012 Boves, Cn), oltre che consultabile e scaricabile on line all’indirizzo www.cresoricerca.it.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 218.065 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner