Cereali, stime Copa-Cogeca: +1,5% la produzione nell'Ue 28

Campagna di commercializzazione 2014/15: situazione positiva, ma stagione di crescita ancora agli inizi. Le superfici dovrebbero rimanere complessivamente stabili

Questo articolo è stato pubblicato oltre 6 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

frumento-cereali-in-campo-maggio-2013-mod-instagram-no-filter-by-cs-il.jpg

Copa-Cogeca: la produzione di cereali di tutta l'Ue dovrebbe aumentare dell'1,5% rispetto all'anno scorso
Fonte foto: © Cristiano Spadoni - AgroNotizie

Le nuove stime pubblicate dal Copa-Cogeca sulla produzione di cereali nell'Ue28 per la campagna di commercializzazione 2014/15 rivelano che le semine di cereali vernini si sono svolte in condizioni favorevoli, anche se la stagione di crescita è ancora agli inizi. L'annuncio è stato fatto dal gruppo di lavoro "Cereali" del Copa-Cogeca. Nel corso della riunione, numerosi Stati membri hanno riferito che le colture sono in buono stato grazie a un inverno mite e alle buone condizioni di semina di cereali vernini. Malgrado delle incertezze circa la coltivazione di mais, le superfici dovrebbero rimanere complessivamente stabili, mentre la produzione di cereali di tutta l'Ue dovrebbe aumentare dell'1,5% rispetto all'anno scorso.

Le superfici investite a frumento dovrebbero registrare un leggero aumento. Anche nel Regno Unito la situazione è positiva nonostante le forti inondazioni. Tuttavia, in alcuni Paesi, come la Spagna, è troppo presto per fare un bilancio, e anche per il resto dell'Ue i dati sono forniti con una certa cautela. Desta qualche preoccupazione anche la diminuzione delle semine di frumento duro malgrado le buone condizioni climatiche che hanno caratterizzato tali regioni. Dal canto loro, gli Stati baltici sono confrontati a un elevatissimo tasso di perdite determinate dai rigori dell'inverno (circa l'80%) e stanno cercando varietà di sementi primaverili disponibili. Per garantire la disponibilità di sementi in futuro, il presidente del gruppo di lavoro, il finlandese Max Schulman, ha invocato la realizzazione di un bilancio delle sementi di cereali, oleaginose e proteaginose.

Schulman ha accolto con soddisfazione la situazione generalmente positiva delle colture. Ha però sottolineato che, anche se si intravvede un certo potenziale, è ancora troppo presto per pronunciarsi con certezza. Alcune zone sono ora all'asciutto e hanno bisogno di acqua, mentre le zone a Nord potrebbero essere ancora colpite da gelate. Inoltre, non è ancora certo che i cerealicoltori avranno sufficienti liquidità per coprire i costi in aumento, ad esempio per l'acquisto di fertilizzanti e prodotti fitosanitari. A suo avviso, la pesante situazione economica sta rendendo più difficile, per gli agricoltori, il pieno sfruttamento del loro potenziale di produzione.

Secondo le stime provvisorie del Copa-Cogeca, quest’anno la produzione di frumento tenero dell'Ue 28 dovrebbe salire del 2,7%, attestandosi sui 136,199 milioni di tonnellate, mentre la produzione di orzo dovrebbe calare leggermente dello 0,4%. Per maggiori dettagli, si rinvia al sito web del Copa-Cogeca.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 232.469 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner