Quale futuro per i frutti della tradizione?

Se ne parla a Hobby Farmer (Cesena) in un incontro promosso da Crpv sabato 5 aprile

Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

melo-abbondanza-rossa-fonte-crpv.jpg

Cesena Fiere, sabato 5 aprile

Sabato 5 aprile all’interno della manifestazione fieristica Hobby Farmer, la fiera degli orti e dei giardini a Cesena Fiera alle 10.30 è in programma il convegno sul tema “I frutti della tradizione hanno un futuro?”. L’evento è promosso da Crpv, Centro ricerche produzioni vegetali, Arpa Emilia Romagna, Alimos e Cnr Ibimet, nell’ambito del Programma di sviluppo rurale della Regione Emilia Romagna.

Il territorio regionale è ricco di varietà frutticole tradizionali, che, con il passare del tempo, perdendo di fatto una valenza commerciale su larga scala, non sono più coltivate e rischiano, purtroppo l’estinzione. Alcuni esemplari sono ancora sopravvissuti sparsi nelle campagne o conservate da qualche agricoltore, amatore o vivaista. Oltre a rivestire una notevole importanza a livello di agrobiodiversità, come riserva di geni per affrontare i problemi del futuro, come i cambiamenti agroclimatici, alcune varietà antiche sono di ottima qualità e  possono essere rilanciate come produzione di nicchia nei mercatini a km “0”,  negli agriturismi, nell’hobbistica come piante da giardino. Non a caso sono spesso protagoniste di manifestazioni e sagre locali. Una specifica disposizione legislativa è stata emanata recentemente (Lr 1/ 2008) dalla Regione Emilia Romagna per salvaguardare queste patrimonio istituendo “il repertorio regionale” e i soggetti conservatori come gli “agricoltori custodi”.  Il convegno, presenterà alcune attività promosse dalla Regione Emilia Romagna per censire, reintrodurre e tutelare le antiche varietà con l’obiettivo di coinvolgere agricoltori e appassionati come “custodi” della biodiversità.

Il programma del convegno prevede, dopo l’introduzione di Franco Zinoni (direttore tecnico Arpa Emilia Romagna), le relazioni di Claudio Buscaroli (Crpv), Sergio Guidi (Arpa Forlì-Cesena), Annalisa Borghi (Alimos), Lucia Morrone (Cnr Ibimet) e Luciana Finessi (Regione Emilia Romagna). In occasione dell’evento sarà allestita una mostra pomologica di varietà autoctone tipiche del territorio (fra cui le mele Durello di Forlì, Abbondanza Rossa e Piatlôna), curata da Crpv e un’esposizione di tele romagnole stampate a ruggine con la riproduzione alberi storici promossa dall’associazione Patriarchi della natura in Italia.

Per informazioni clicca QUI

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 206.510 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner