Olivicoltura in Emilia: verso produzioni di qualità

Il 21 marzo a Spezzano di Fiorano Modenese, ore 9.30, si terrà un convegno per valutare le prospettive del settore. L'incontro è organizzato da Crpv, Provincia di Modena, Cnr Ibimet, Università di Parma e Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza

Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

olivo-crpv.jpg

Spezzano di Fiorano (Mo), venerdì 21 marzo

Venerdì 21 marzo al Castello di Spezzano di Fiorano Modenese (Mo) alle 9,30 è in programma il convegno sul tema “L’olio emiliano: stato dell’arte e prospettive di mercato per un prodotto di qualità”. L’evento è promosso da Crpv, Centro ricerche produzioni vegetali, Provincia di Modena, Cnr Ibimet, Università di Parma e Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza, nell’ambito del Programma di sviluppo rurale della Regione Emilia Romagna. Il convegno segna la conclusione di un progetto quinquennale (2009-2013) attivato nelle province di Modena, Reggio Emilia, Parma e Piacenza, in merito allo sviluppo dell’olivicoltura da olio e sarà l’occasione per la comunicazione dei risultati di tale ricerca, che ha riguardato diversi aspetti strategici al fine di promuovere questa coltivazione sui territori emiliani.

La prima parte del progetto è stata una mappatura per reperire, descrivere e raccogliere centinaia di varietà di antichi olivi sparsi sui territori collinari delle quattro province: successivamente si è provveduto alla valutazione del germoplasma di ogni tipologia di olivo, ovvero alle loro caratteristiche genetiche per definire quali varietà dimostrassero una buona adattabilità al territorio oggetto della ricerca, per produzioni di olio di qualità. Un’altra linea di ricerche ha riguardato la vocazionalità ambientale, che ha permesso di definire le superfici delle quattro province (oltre 23.000 ettari), sulle quali è possibile avviare attività olivicole da reddito con alte probabilità di successo: infine è stata realizzata un’accurata analisi su mercato e strategie di valorizzazione, ricerca che ha messo in evidenza grandi potenzialità per il prodotto olio emiliano, soprattutto se supportato da marchi di qualità.

Il programma dell’evento prevede, dopo i saluti del sindaco di Fiorano Claudio Pistoni e l’introduzione di Giovanni Nigro del Crpv, le relazioni di Andrea Fabbri dell'Università di Parma), Virginia Ughini dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza, Tommaso Ganino dell'Università di Parma, Davide Mengozzi dell'Università di Parma, Annalisa Rotondi e Lucia Morrone del Cnr Ibimet Bologna, Franco Spada del Consorzio Dop Brisighella: le conclusioni sono affidate a Giancarlo Cargioli, dirigente dell’assessorato all'Agricoltura della Regione Emilia Romagna.

Per il programma in formato .Pdf clicca QUI

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 206.640 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner