Sementi, il Parlamento Ue rigetta la proposta della Commissione

Respinto il testo relativo al materiale riproduttivo vegetale. De Castro: "Evitato un fardello amministrativo per gli agricoltori". Agrinsieme soddisfatta

Questo articolo è stato pubblicato oltre 6 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

semi-sementi-fonte-wax115-morguefile-com-archive-display-119575.jpg

Sementi, la Comagri del Parlamento europeo ha respinto la proposta della Commissione Ue

“Una decisione forte, che ancora una volta dimostra l’attenzione del Parlamento europeo alle richieste e alle esigenze degli agricoltori e dei cittadini dell’Unione”. Con queste parole il presidente della Commissione Agricoltura del Parlamento europeo, Paolo De Castro, ha commentato il rigetto, votato oggi dalla Comagri, alla proposta della Commissione Ue relativa al materiale riproduttivo vegetale (sementi).
“Gli oltre 1.400 emendamenti presentati lo scorso gennaio - ha proseguito De Castro - hanno portato ai 37 voti contrari (e solo 2 favorevoli) di oggi. Un chiaro segnale di come una materia così delicata debba essere trattata in maniera approfondita, con le opportune distinzioni".
I 90 atti delegati, le 12 direttive presenti nel medesimo regolamento e la sintesi di temi complessi e differenti tra loro - come la commercializzazione delle sementi e del materiale da propagazione sotto il termine ombrello di 'materiale riproduttivo vegetale' - avrebbero potuto creare "un fardello amministrativo per gli agricoltori e limitare la scelta e la trasparenza per i consumatori. Eventualità - ha concluso De Castro - che non potevamo assolutamente accettare”.
Nei prossimi mesi, anche la plenaria di Strasburgo si esprimerà sulla proposta.

Una decisione positiva anche per Agrinsieme. “Accogliamo con viva soddisfazione l’esito del voto del parlamento europeo" ha dichiarato il coordinamento di Cia, Confagricoltura e Alleanza delle cooperative agroalimentarim che nei mesi scorsi avevano espresso riserve sulla proposta comunitaria che, oltre a non “prevedere alcuna semplificazione qualitativa, risultava eccessivamente gravosa per gli operatori, soprattutto quelli del vivaismo vitivinicolo, frutticolo e forestale che avrebbero visto aumentare esponenzialmente gli oneri a loro carico”.

“L’intervento del Parlamento Europeo, grazie alla procedura di codecisione stabilita con il Trattato dei Lisbona, si è confermato ancora una volta determinante, come nel negoziato sulla Pac.”

Fonte: Agronotizie

Tag: unione europea sementi

Temi caldi: sementi

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 250.832 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner