Vigna e olivo, tra innovazione e sostenibilità

Tornano gli eventi organizzati dall'associazione Vento di Maestrale con il patrocinio della Federazione regionale Ordini dottori agronomi e dottori forestali della Puglia. Appuntamento dedicato all'olivicoltura il 18 febbraio ad Andria (Bt) e alla vite il 25 marzo a Barletta (Bt)

Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, leggi le ultime novità di Adama Italia, Bayer, Belchim Crop Protection Italia, Irritec.

olivo-olive-olivicoltura-oleg-znamenskiy-fotolia-750x750.jpg

Andria (Bt), 18 febbraio
Fonte foto: © Oleg Znamenskiy - Fotolia.com

Giunge alla sua seconda edizione il progetto “Vigna e Olivo, tra innovazione e sostenibilità”, l’appuntamento dedicato ad aziende, tecnici e operatori dei comparti vitivinicolo e olivicolo. L’evento, organizzato dall’Associazione Vento di Maestrale con il patrocinio della Federazione regionale degli Ordini dei dottori agronomi e dottori forestali della Puglia, in questa nuova edizione vedrà uno sdoppiamento delle date, ovvero 18 febbraio ad Andria (Bt) con il convegno “l’ olivo e olivicoltura innovativa”, e il 25 marzo a Barletta (Bt) con il secondo appuntamento dal titolo “la vigna e la viticoltura innovativa”. Due appuntamenti differenti, ma legati da un unico filo conduttore: comunicare alle imprese, tecnici e addetti ai lavori dei due comparti, gli strumenti innovativi e le progettualità per una gestione sostenibile di vigneti e oliveti.

Ad Andria si terrà “L’ olivo e l’olivicoltura innovativa” all’ Hotel L’Ottagono il 18 febbraio alle 16, i lavori saranno coordinati da Gianluca Chieppa, agronomo referente della comunicazione per la Federazione regionale degli Ordini dottori agronomi e dottori forestali della Puglia, che aprirà l’ evento con i saluti di Benedetto Miscioscia, assessore alle Attività produttive e risorse agricole del Comune di Andria, Gerardo Tedesco, presidente dell’associazione “Vento di Maestrale” e gli  interventi di Giovanni Porcelli, Confagricoltura, con il tema “Le aziende e la riforma della Pac 2014-2020”, e di Giacomo Carreras, agronomo e tecnico Assoproli che discuterà su  “l’importanza dell’assistenza tecnica nella moderna olivicoltura sostenibile”.

A seguire, spazio alle società impegnate nell’offrire strumenti innovativi o progettualità per il comparto olivicolo.
Ecco dunque le  soluzioni per una difesa  fitosanitaria sostenibile con gli interventi di Michele CurciBayer CropScience, Michaela SacchettiBelchim Crop Protection, Andrea BergamaschiCerexagri, Emanuele Medico, Certis Europe, Girolamo LamanuzziMakhteshim Agan, Francesco Guastamacchia Sipcam.
Dalla difesa si passa poi alla fertilizzazione con alcune proposte suggerite da Lorenzo VecchiettiHydro Fert, per una nutrizione sostenibile delle colture.

La “meccanizzazione innovativa” inoltre sarà il titolo del tema che affronterà New Holland, società attiva nella meccanizzazione agricola, che punta a una politica aziendale ecosostenibile con diversi progetti in atto.
Infine spazio alla tematica dell’irrigazione e di una gestione razionale delle acque irrigue con l’intervento di Salvatore ScichitanoIrritec, che parlerrà dell’innovazione tutta made in italy nella moderna olivicoltura.

Il progetto proseguirà poi con il secondo appuntamento (Barletta), con ulteriori interventi e novità dedicati alla vite e al comparto vitivinicolo.

Fonte: Federazione regionale dei dottori agronomi e dottori forestali della Puglia

Tag: convegni olio olivicoltura