Bologna capitale della patata

L’8 e il 9 novembre il capoluogo emiliano, in occasione della fiera agricola Eima, ospiterà la sedicesima edizione dell’incontro nazionale organizzato dal Cepa

Questo articolo è stato pubblicato oltre 7 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

patate-morguefile-archive-display-85929.jpg

Bologna, 8 e 9 novembre 2012
Fonte foto: Morguefile.com

Pataticoltura in Italia: appuntamenti e convegni sulla produzione, la commercializzazione, il consumo e le prospettive. E' quanto prevede la sedicesima edizione dell’Incontro nazionale sulla patata in programma a Bologna l’8 e il 9 novembre nell’ambito della fiera agricola Eima, che si svolgerà nel capoluogo emiliano nello stesso periodo. Organizzato dal Centro di documentazione per la patata di Bologna Cepa, l’evento vedrà la partecipazione di numerosi rappresentanti delle istituzioni ed autorevoli professionisti ed esperti che si confronteranno sull’attualità e sui futuri scenari del settore pataticolo italiano. Un comparto che conta una produzione annua di circa 1,7 milioni di tonnellate per una superficie coltivata di oltre 60.000 ettari

La produzione pataticola italiana, grazie a una buona tradizione produttiva basata su moderne tecniche di coltivazione, presenta un livello qualitativo decisamente elevato. Diffuso in quasi tutte le regioni, dal Nord al Sud del Paese, questo ortaggio trova condizioni particolarmente vocate in Emilia Romagna, Lazio, Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Campania, Sicilia, Abruzzo, Veneto e Calabria. La pataticoltura italiana vanta inoltre un doppio riconoscimento di qualità da parte dell’Unione europea con la Patata di Bologna Dop e la Patata della Sila Igp

Il prodotto italiano è apprezzato dai consumatori nostrani che lo preferiscono a quello di importazione. E l’incontro nazionale in programma a novembre si incentrerà proprio sulla “Competitività della produzione italiana di patata”.

Un tema che sarà affrontato in tutte le sue diverse sfaccettature: giovedì 8 novembre i riflettori saranno puntati sulle tematiche tecnico-agronomiche con un occhio attento al mercato e alle aspettative dei consumatori, mentre venerdì 9 novembre l’attenzione si sposterà sui principali aspetti di attualità economica di questa filiera. La due giorni sarà condotta da due giornalisti d’eccezione, il noto gastronauta Davide Paolini di Radio 24-Il Sole 24 Ore e Michele Mirabella.

Il comparto sta vivendo un periodo di grandi trasformazioni – sottolinea il presidente del Cepa, Luciano Torreggiani – e in quest’ottica la kermesse di Bologna intende contribuire ad alimentare una discussione sulla situazione della pataticoltura in Italia, analizzando le prospettive economiche del settore per i prossimi anni”. 

Tutto ciò alla luce della crisi economica, che influenza il mercato e i consumi, e dei profondi mutamenti attesi per il comparto alla luce della prossima Organizzazione comune di mercato dell’ortofrutta.

All’appuntamento bolognese faranno da cornice una speciale mostra fotografica e un'interessante mostra pomologica, nonché l’unico Museo della meccanizzazione agricola nella pataticoltura e una grande riproduzione in scala della diffusione geografica della pataticoltura in Italia. 

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 206.508 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner